Cerca

Francescani

In Siria nuovo orrore jihadista: tagliano la testa a 3 cattolici

I francescani: "Non sono nostri monaci". Gli estremisti islamici: "Decapitati perché aiutavano il regime con le armi e volevano un loro ordine"

In Siria nuovo orrore jihadista: tagliano la testa a 3 cattolici

Giustizia islamica. "Tre monaci francescani del convento di Ghassanieh, in Siria, sono stati decapitati dal Fronte al Nusra, dopo un processo sommario nel quale sono stati accusati di essere al soldo del regime". La notizia viene diffusa da Radio France International, che tra le vittime indica il religioso François Mourad. La notizia è stata confermata all'emittente dall'arcivescovo di Damasco, ma secondo altre fonti ad essere stati trucidati sarebbero stati un frate e altre due persone non appartenenti all'ordine religioso. Il custode di Terra Santa, Padre Pierbattista Pizzaballa, con un comunicato ufficiale ha smentito che le tre persone trucidate fossero francescani. 

Il motivo - Di sicuro c'è che tre persone sono state deapitate. La loro colpa che hanno pagato con la vita? Volevano fondare un ordine religioso cristiano proprio nella città siriana di Ghassanieh. Dopo aver ottenuto l’autorizzazione da parte delle autorità siriane è scoppiata la bufera. La vicenda ha scatenato le reazioni del gruppo jihadista, che ha prelevato Mourad insieme ad altri due francescani per poi decapitarli. “Abbiamo avvertito la comunità internazionale", ha spiegato il generale Riad al-Assad, capo dell’Esercito siriano libero, contattato telefonicamente da Rfi. L‘ufficiale ha spiegato anche di aver scritto a diversi funzionari di vari paesi internazionali per  avvertirli del pericolo rappresentato dai gruppi jihadisti in Siria.   

Morte annunciata - “Alcuni paesi stanno anche sostenendo questi gruppi”, ha denunciato, sottolineando come la loro presenza rappresenti un pericolo per il popolo siriano. La morte dei tre uominipoteva essere evitata. Lo scorso 24 giugno era stato padre Pierbattista Pizzaballa, custode di Terra Santa, a riportare la denuncia del suo  ministro regionale in Siria, padre Halim Noujaim: aveva spiegato come il giorno precedente un gruppo di ribelli era entrato nel convento di Ghassanieh, facendo razzia e distruggendolo. Pizzaballa aveva anche riportato la voce della morte di padre Francois Mourad, un eremita cattolico, che aveva trovato rifugio nel convento. Poi è arrivata l'esecuzione delle tre le vittime. Per giustificare la decapitazione gli jihadisti hanno accusato i monaci di aver aiutato il regime nel trasporto di armi e munizioni. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    30 Giugno 2013 - 09:09

    Se qualche comunista si legesse il Corano forse capirebbe chi ci stiamo mettendo in casa, prima che sia troppo tardi! Compresi i ministri anti italiani!

    Report

    Rispondi

  • ego1

    30 Giugno 2013 - 09:09

    Mi sa che lei di bello ha solo la chioma. Quanto a quello che vi sta sotto...lasciamo perdere....Ma che vuol dire che in passato queste cose accadevano pure da noi? Ma noi, oggi, non abbiamo forse ripudiato quel passato? Guardi, lasci perdere i ragionamenti e vada a farsi uno shampoo.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    29 Giugno 2013 - 15:03

    sono dei fanatici senza cervello!

    Report

    Rispondi

  • 5Alek5

    29 Giugno 2013 - 13:01

    Questa è l'integrazione che vorremmo poter fare la stessa cosa anche noi la legge della reciprocità

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog