Cerca

Giornata mondiale della gioventù

Francesco, la messa a Copacabana:
tre milioni di persone in spiaggia
"Giovani, andate senza paura"

Folla oceanica per ascoltare l'intervento del Pontefice, che chiede ai ragazzi di fare i missionari. Poi accoglie sul palco una bima anencefala

La folla a Copacabana

La folla a Copacabana

Una folla oceanica si è radunata in spiaggia a Copacabana, in Brasile, per sentire le parole di Papa Francesco. I ragazzi hanno cantato e pregato per tutta la notte, il vociare si sentiva da tutte le stanze degli alberghi che si affacciano sulla costa. Un fiume di gente, una grande festa.

Il messaggio - Il pontefice ha parlato dal palco-altare costruito sulla punta estrema della spiaggia di Copacabana: secondo gli organizzatori eranno presenti tre milioni di persone. "Qual è lo strumento migliore per evangelizzare i giovani? Un altro giovane. Questa è la strada da percorrere. Andate, senza paura, per servire". Questo il messaggio lanciato da Francesco in Brasile nel corso dell'ultima messa della Giornata mondiale della gioventù 2013: il Papa chiede ai ragazzi di fare loro stessi i missionari.

"Sradicare il male" - In particolare, il Papa ha chiesto ai giovani di portare il Vangelo "per sradicare e demolire il male e la violenza; per distruggere e abbattere le barriere dell' egoismo, dell'intolleranza e dell'odio; per edificare un mondo nuovo. Gesù Cristo conta su di voi,la Chiesa conta su di voi, il Papa conta su di voi. Andate e fate discepoli tutti i popoli". Nel corso della messa, Francesco ha accolto sull'altare una bimba piccolissima, anencefala, tenuta in braccio dal padre. Il Papa ha baciato la piccola e ha benedetto l'intera famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    29 Luglio 2013 - 11:11

    fa ricordare la Domenica delle Palme quando Cristo veniva osannato dalla immensa folla vedendo in lui il Messia, ovvero il Salvatore della Patria prima che dello spirito. I brasiliani con la visita del Papa nel loro paese sperano tanto che poi le cose cambieranno in loro favore ovvero ci sarà più giustizia. Ma poi come è andata a finire con Gesù? dopo gli osanna sono venuti i crocifiggi proprio dalla folla e costretto il Cristo ad essere condannato a morte. Tradotto per i ns. tempi, i poveri rimarranno poveri perché il brasiliano che non è povero non gliene frega niente di risolvere il problema della povertà e tira innanzi scordandosi del tutto il messaggio del Papa, quindi venuta del Papa in quelle terre sarà stato del tutto inutile.

    Report

    Rispondi

blog