Cerca

Il governo apre, e così...

Francia, l'annuncio: "Seno in affitto per i gay"

L'annuncio-choc di un'infermiera francese su un sito di offerte online

Le proteste delle società di neonatologia e delle associazioni: "Con il latte si rischia di trasmettere infezioni e virus". Ma per gli esperti l'offerta è legittima
Latte materno

Latte materno

Una proposta choc che sta già facendo discutere, tra polemiche e adesioni. A Parigi, una giovane donna ha deciso di mettere in affitto i suoi seni per allattare i figli delle coppie omosessuali. Dopo la recente approvazione da parte del governo francese dei matrimoni gay e delle adozioni, in un noto sito internet, tra gli annunci di oggetti, compare la proposta originale di affitto "delle poppate". E non è mancata la tempestiva obiezione da parte della sanità pubblica francese: è vietato vendere il latte materno.

L'annuncio - "Sono una giovane mamma in piena salute, infermiera in formazione, 29 anni, e affitto i miei seni agli omosessuali per allattare i loro neonati".  Questo l'annuncio pubblicato dalla donna sul sito francese E-Loue, piattaforma web che permette a privati e professionisti di dare in locazione o affittare qualsiasi tipo di oggetto, utilizzando un sistema di pagamento e prenotazioe on-line. Tra il noleggio di case, automobili, tende da campeggio e quant'altro, ecco anche l'affitto del seno materno. Nel post, ribattuto dal sito Le figaro, la giovane si offriva dunque "volontaria" per donare i suoi seni alle coppie omosessuali impossibilitate ad allattare i propri figli adottivi. Certo, l'affito ha un costo, e anche piuttosto salato: 100 euro al giorno per una decina di pappate. "Le coppie di uomini omosessuali - scrive - non hanno la fortuna di poter dare il latte naturale ai loro bebè e si sa che l'allattamento fa bene ai neonati. In effetti il latte materno è molto nutriente", scrive.

Dal sito - E' la stessa piattaforma di affitti a confermare la serietà della proposta. "Inizialmente sono stato sorpreso - scrive Alexander Woog, il direttore del sito di annunci privati - ma poiché i nostri servizi hanno verificato la serietà dell'annuncio, abbiamo deciso di pubblicarlo". Nessuna presa di posizione dunque nel dibattito sul matrimonio gay e sull'adozione di un bambino da parte delle coppie omosessuali. La Francia, tra le polemiche, ha approvato di recente le unioni e l'adozione da parte delle coppie dello stesso sesso, ma, ribadisce Woog, questo non c'entra con il sito e con l'annuncio stesso: "Si tratta di un servizio, una sorta di modernizzazione del ruolo della nutrice", spiega il direttore di E-Loue

Le conseguenze - Alcune coppie omosessuali hanno già risposto all'insolita offerta della donna, che sta destando al contempo dubbi, polemiche e curiosità. La società francese di neonatologia e altre associazioni hanno già sollevato un polverone e sottolineato i "rischi" legati alla trasmissione via latte di eventuali infezioni e virus. Secondo gli esperti legali del sito, la proposta di affitto del seno è legittima. Il codice della sanità pubblica tuttavia è chiaro e impedisce la vendita del latte materno: ai sensi dell'articolo L2323-1, questa giovane infermiera di 29 anni non può dare via il suo latte a scopo di lucro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog