Cerca

L'assaggio "artificiale"

Ecco l'hamburger senza carne: realizzato con le staminali

La pietanza sintetica è costata 250mila euro: il primo boccone a Londra in diretta televisiva. L'autore della ricerca: "Non si uccideranno più mucche"

Hamburger sintetico

Hamburger sintetico

Una rivoluzione nel panorama alimentare mondiale. E' stato cotto e mangiato in diretta in uno studio televisivo a Londra il primo hamburger sintetico: realizzato grazie alle cellule staminali di una mucca, sviluppate in vitro fino a ottenere 140 grammi di manzo "artificiali", ma indistinguibili - tranne per il sapore - da quelli "originali". Il neo hamburger, costato ben 250mila euro (circa 220mila sterline), proprio per il suo strano sapore, è stato promosso ma soltanto a metà.

Il progetto - Nello studio televisivo britannico, in cui si è degustato per la prima volta il nuovo prodotto, era presente Mark Post, "papà Frankenburger" - come l'hanno ribattezzato i media -, il ricercatore olandese dell'università di Masstricht, autore dell'esperimento, e due critici culinari, l'americano Josh Schonwald e l'austriaca Hanni Ruetzler. Entrambi hanno sottolineato come l'assenza di grasso abbia reso l'hamburger non troppo invitante: "Si avvicina alla carne ma non è cosi succulento. La consistenza è perfetta, ma me l'aspettavo più soffice", ha sentenziato Ruetzler, riconoscendo che, se perfezionato sul lato del gusto, il nuovo prodotto potrebbe acquistare un largo consenso. Del resto, lo stesso creatore ha spiegato che, per la sua realizzazione, sono partiti dalle staminali di un mucca e hanno sviluppato in vitro 20.000 fibre di puro muscolo di manzo nel corso di tre mesi. Ogni fibra è stata sviluppata individualmente in un gel di coltura. Poi, insieme a succo di barbabietola rossa, zafferano, sale, uova in polvere e pane grattuggiato, sono state compattate per formare l'hamburger.

Scelta solidale - Due i volontari per la prima boccata, tra cui l'autore della ricerca, Mark Post. La "carne in provetta" potrebbe diventare, in un futuro non troppo lontano, una valida alternativa, più ecologica e più umana, alla carne "originale". Dalle prime analisi infatti sembrerebbe che, rispetto ad allevare e crescere mucche con i metodi tradizionali, la carne "coltivata" permetta una riduzione dell'uso di terra e acqua del 90%, e del consumo globale di energia del 70%."Le mucche - spiega Post al Guardian - hanno bisogno di 100 grammi di proteine vegetali per produrre solo 15 grammi di proteine animali commestibili. Quindi abbiamo bisogno di usare moltissimo cibo per alimentale, per poi  nutrirci della loro carne. Con quella coltivata - afferma - non bisogna uccidere la mucca e in più non viene prodotto metano". Per ora la nuova polpetta è costituita esclusivamente da proteine. Il prossimo passo sarà quello di inserire le cellule di grasso e, forse, anche quelle ossee, per rendere la "carne alle staminali" il più possibile vicina a quella naturale. Il nuovo hamburger, inoltre, sposerebbe di fatto anche la causa animalista. La Peta (People for the ethical treatment of animals) ha visto nella realizzazione di questo progetto un modo per fronteggiare le mattanze, l'allevamento intensivo, il trasporto e la macellazione degli animali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    06 Agosto 2013 - 15:03

    tra, speriamo, molti anni, quando saremo 15 miliardi e le risorse finiranno, non ci sarà il problema della carne, perchè ci mangeremo a vicenda.

    Report

    Rispondi

  • dany69

    06 Agosto 2013 - 13:01

    Che bello non uccidere più bovini ci sembrerà di essere in India! Spendiamo soldi per diventare come l'India speriamo che ci siano poi anche le fogne a cielo aperto, vuoi mettere la fragranza di un soave profumo!!!!

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    06 Agosto 2013 - 08:08

    E mai possibile che con tutti i problemi che abbiamo in tante malattie che non riusciamo a sconfiggere ci debbano essere sempre raccolte di soldi collettive per la ricerca mentre per questa meravigliosa idea si spendono miliardi ? Il giorno che per creare il cibo artificiale creeranno qualcosa che ci distruggerà ne riparleremo. Siate meno "idioti" e le ricerche fatele per le cose utili che servono. Dimenticavo, talvolta certe ricerche è meglio fermarle altrimenti le aziende farmaceutiche come farebbero i loro profitti.

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      19 Ottobre 2014 - 13:01

      continueranno a fare profitti: con questa "robaccia" ci verranno altre malattie, poi cercheranno il rimedio contro le nuove malattie.

      Report

      Rispondi

  • cirro

    06 Agosto 2013 - 06:06

    Mi ricorda una vecchia barzelletta secondo la quale il Dott.Krunz aveva trovato il sistema per fare la carne artificiale. Durante l'intervista ha esaltato le caratteristiche del nuovo prodotto , ma , incalzato dalla domanda di un giornalista ha risposto : "E' tutto scientificamente perfetto.Dobbiamo studiare ancora per togliere un piccolissimo difetto del sapore : sa di m.......!"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog