Cerca

Dramma a Mikonos

La vacanza di Giulia finisce male: strangolata da una sciarpa

La ventiduenne napoletana era a bordo di un quad quando la pashimina che indossava è andata a finire negli ingranaggi spezzandole il colle

Lo zio di Giulia: l'agenzia che ha affittato il mezzo ha delle responsabilità, non sono stati rispettati i criteri di sicurezza"
Giulia Grasso

Giulia Grasso

Una vacanza meravigliosa che si chiude con un dramma. Giulia Grasso, napoletana di ventidue anni in viaggio con gli amici nell'Egeo, poche ore prima di partire da Mykonos per tornare in Italia, ha trovato la morte per una tragica fatalità. Ha noleggiato un quad, una grossa moto a quattro ruote, per raggiungere il versante opposto dell'isola rispetto a dove i ragazzi soggiornavano. La tragedia si è verificata lungo il percorso: Giulia, che viaggiava nella parte posteriore del mezzo condotto da un'amica, indossava una lunga sciarpa. Proprio la pashmina è andata a impigliarsi negli ingranaggi del mezzo, strangolando la giovane. Inutili i soccorsi: la diagnosi dei medici è stata rottura dell'osso del collo. 

"Spero che la salma possa partire da Atene mercoledì pomeriggio per poi arrivare mercoledì sera all'aeroporto di Catania", ha detto Salvatore Pastanella, lo zio di Giulia spiegando che anche se la nipote è di Napoli "mia sorella è di Catania e la tomba di famiglia è a Biancavilla". Riguardo all'incidente il signor Pastanella pensa che "l'agenzia che ha affittato il mezzo abbia delle responsabilità e che non siano stati rispettati i criteri di sicurezza di base. Attiveremo tutte le procedure per capirne di più, una ragazza di vent'anni non può andarsene in un incidente così banale". "Non voglio puntare il dito contro nessuno - ha precisato - ma credo che un pareo non sarebbe potuto rimanere incastrato se fosse stato garantito dall'agenzia il margine di sicurezza del veicolo". Lo zio della ragazza ha poi voluto "ringraziare tutto il personale diplomatico italiano, che ha svolto un servizio efficiente e umano", ricordando che i genitori della vittima sono rimasti in Sicilia perche' "letteralmente distrutti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    12 Agosto 2013 - 16:04

    Dal poco che si capisce dall'articolo, da come era vestita, si sarebbe ammazzata facendo qualunque cosa, tranne che dormire, e ancora ! Ma é mai possibile che in nome della 'libertà' una vada su un quad con sciarpa e pareo? ...zzo, é come fare l'ascensione del Monte Bianco in tanga. Nessuno può essere protetto dalla propria imprudenza. Purtroppo.

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    12 Agosto 2013 - 16:04

    commento fuori luogo; ti auguro che ti prenda un ictus e che diventi ebete e handikappato come il tuo amico bossi. ANIMALE

    Report

    Rispondi

  • pedralb

    12 Agosto 2013 - 14:02

    Riposa in pace. Anche nelle tragedie sono sempre pronti a batter cassa sti parassiti teroni!!!!

    Report

    Rispondi

blog