Cerca

L'omicidio

Oklahoma, tre ragazzi ammazzano uno studente "per noia"

17, 16 e 15 anni: seguono la loro vittima e gli sparano con la pistola

Oklahoma, tre ragazzi ammazzano uno studente "per noia"

Usa sotto choc. La confessione di un 17enne, accusato dell'omicidio di uno studente, ha scosso la città di Duncan (vicina a Oklahoma City) e l'intera America. Perché il ragazzino, insieme a due amici, ha ammesso di aver ucciso uno studente australiano, il 22enne giocatore di baseball Christopher Lane, "per noia". Sembra incredibile, ma è questo il movente che ha spinto i tre (17, 16 e 15 anni) ad uccidere. Lo hanno visto correre sul ciglio della strada, e hanno deciso che sarebbe stato la loro vittima, così "per gioco, per il gusto del divertimento". Quindi lo hanno pedinato e gli hanno sparato. Uno di loro, il più grande, faceva da "autista": aspettava in macchina mentre i due compivano il delitto. Gli aggressori invece hanno sparato allo studente alle spalle, uccidendolo all'istante. Smascherati dalle telecamere di sorveglianza e da un testimone che aveva visto i ragazzi minacciare il giovane, la polizia li ha acciuffati mentre erano ancora nell'auto, dopo circa due ore. I due più piccoli  J.F.E di 15 anni e C.A.L, di 16, sono stati incriminati con l’accusa di omicidio premeditato e saranno giudicati come adulti, rischiando la pena di morte. Il più grande, il 17enne, che ha confessato il crimine, è invece stato incriminato per complicità nell’omicidio di Lane e sarà processato come minore: era lui il guidatore dell'auto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PAXAETARNAE

    21 Agosto 2013 - 20:08

    sarebbero fuori in massimo 6 mesi ...a proposito il picconatore che ha ammazzato e' già fuori per infermità' mentale? ,,,non so ,,,non ci sarebbe da stupirsi ,,,con la nostra giustizia pro islam e immigrati e ROM....

    Report

    Rispondi

  • xxlucaxx

    21 Agosto 2013 - 18:06

    Visto come si sono comportati direi che per loro la vita non ha valore, quindi ben venga la pena di morte, tanto non perdono nulla di importante!

    Report

    Rispondi

blog