Cerca

Thailandia

Rapiti a Bangkok da poliziotti corrotti
Paura per due turisti italiani

Accusati di aver prelevato da un bancomat con una tessera falsa, sono stati sequestrati e rinchiusi in un motel. Gli agenti volevano 50mila euro per liberarli

Rapiti a Bangkok da poliziotti corrotti
Paura per due turisti italiani

Brutta disavventura per due turisti italiani in Thailandia, sequestrati a Bangkok per alcune ore da quattro poliziotti che volevano estogliergli decine di migliaia di euro. Secondo quanto riferito dal Bangkok Post, i due, identificati come il 51enne Danilo De Vito e il 62enne Antonio Di Muno, lunedi' scorso erano arrivati da poche ore in vacanza nel Paese asiatico quando hanno prelevato da un bancomat. Li' sono stati bloccati da quattro agenti che li hanno portati in commissariato con l'accusa pretestuosa di aver usato una carta falsa e hanno chiesto due milioni di baht (47.000 euro) per non denunciarli.

Dopo una trattativa i due italiani hanno ottenuto di dimezzare la somma da versare e sono stati trasferiti nella stanza di un motel dove sono stati tenuti prigionieri. L'indomani, con la scusa di telefonare alle famiglie in Italia per farsi mandare i soldi, sono riusciti a dare l'allarme. E' stata cosi' allertata l'ambasciata italiana a Bangkok che ha investito del caso l'Interpol. Nelle ore successive la polizia ha fatto irruzione nel motel per liberare i due turisti ma i loro sequestratori erano gia' fuggiti, con il bottino di 1.500 euro che nel frattempo avevano fatto prelevare da un bancomat. Due dei poliziotti coinvolti sono stati arrestati venerdi' insieme a un cittadino uzbeko che avrebbe fatto da interprete mentre altri due agenti sono ancora ricercati. Sono tutti accusati di rapina a mano armata, sequestro ed estorsione. La polizia thailandese ha subito radiato i quattro agenti con un'insolita tempestivita' per un corpo spesso sotto accusa per casi di corruzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    24 Agosto 2013 - 12:12

    Come in tutte le città del Mondo, quando ci si avventura in certi quartieri, é meglio essere prudenti. Nel quartiere dove sono stati accalappiati (Nana)non ci si arriva 'per sbaglio' e quando ci si arriva, ci si mescola fatalmente alla crema della piccola e grande delinquenza locale. I rischi sono quindi inevitabili. Sono stati fortunati, c'é gente che si é beccata una sfilza di coltellate per meno di 50 euro.

    Report

    Rispondi

  • brutus

    24 Agosto 2013 - 12:12

    Come in tutte le città del Mondo, quando ci si avventura in certi quartieri, é meglio essere prudenti. Nel quartiere dove sono stati accalappiati (Nana)non ci si arriva 'per sbaglio' e quando ci si arriva, ci si mescola fatalmente alla crema dela piccola e grande delinquenza locale. I rischi sono quindi inevitabili. Sono stati fortunati, c'é gente che si é beccata una sfilza di coltellate per meno di 50 euro.

    Report

    Rispondi

  • brutus

    24 Agosto 2013 - 12:12

    Come in tutte le città del Mondo, quando ci si avventura in certi quartieri, é meglio essere prudenti. Nel quartiere dove sono stati accalappiati (Nana)non ci si arriva 'per sbaglio' e quando ci si arriva, ci si mescola fatalmente alla crema dela piccola e grande delinquenza locale. I rischi sono quindi inevitabili. Sono stati fortunati, c'é gente che si é beccata una sfilza di coltellate per meno di 50 euro.

    Report

    Rispondi

blog