Cerca

Gli sviluppi

Siria, il sì di Obama a un intervento militare: "Ma solo con l'appoggio Onu"

L'ipotesi Usa si basa sul precedente Kosovo: non via terra, ma possibile attacco aereo

Siria

Strage in Siria

Dopo l'attacco del 21 agosto denunciato dagli oppositori del regime siriano, in cui sarebbe stato usato gas nervino contro bambini e civili, l'Onu è sceso in campo aprendo un'indagine sull'uso dell'arma chimica. Intanto arriva la nota dei Medici Senza Frontiere"La sintomatologia, le caratteristiche epidemiologiche, l'afflusso di un numero così alto di pazienti in un lasso di tempo così breve, fanno pensare fortemente all'esposizione massiccia ad un agente tossico". MSF è la prima fonte indipendente a confermare l'uso di armi chimiche. E ora a dare un giro di chiave è la Casa Bianca. Il presidente degli Stati Uniti Barak Obama sta vagliando l'ipotesi di un intervento militare in Siria. Non via terra, questo sembra deciso, e sotto il protettorato dell'Onu. Ma tutte le opzioni sono ancora in campo, Obama ha incontrato i Consiglieri dell'Onu, come rende noto la Casa Bianca. C'è però un'accelerazione nella valutazione di fatti e prove a carico del regime di Assad. 

L'opzione Kosovo - Obama starebbe studiando il precedente del Kosovo: "Come in Kosovo, così in Siria civili sono stati uccisi dall'attacco del regime - riferiscono alcuni rappresentanti dell'amministrazione d'oltreoceano - Nel 1999 il presidente Bill Clinton aveva usato l'appoggio Nato per giustificare i 78 giorni di incursioni aeree". Ma le autorità stanno anche discutendo se un attacco militare possa avere conseguenze involontarie, destabilizzare i paesi vicini come il Libano, ad esempio, o determinare ingenti flussi di rifugiati in Giordania, Turchia ed Egitto. 

La posizione russa - Uno dei possibili oppositori alla decisione di intervento in Siria potrebbe essere il governo russo. O almeno potrebbe bloccare la decisione dell'Onu di schierarsi con gli Usa. La Russia è sempre stata infatti una sostenitrice del regime di Assad, e una decisione del genere potrebbe destabilizzare le basi diplomatiche tra i due paesi. Ieri il governo russo ha invitato il presidente ad autorizzare gli inquirenti delle Nazioni Unite a raggiungere le zone a est di Damasco dove si sarebbe verificato l'attacco con agenti chimici. Fonti diplomatiche americane, e di altri paesi occidentali, hanno chiarito che l'iniziativa della russia non riflette alcun cambiamento nel suo sostegno ad Assad o la sua contrarietà a provvedimenti punitivi del consiglio di sicurezza Onu. 

La reazione internazionale - Sul fronte europeo le reazioni sono diverse. La Francia "ritiene necessario un intervento", come ha affermato il ministro degli Esteri Laurent Fabius. Anche la Germania si dichiara vicina alle posizioni a stelle e strisce. Angela Merkel ha criticato Cina e Russia, alleate del regime di Damasco, per aver bloccato il testo delle Nazioni Unite promosso dall'Occidente che chiede che sia garantito accesso senza vincoli agli ispettori che indagano sull'uso di armi chimiche in Siria. Tuttavia non si sbilancia e dichiara la Germania contro un intervento militare: "La soluzione deve essere politica", ha dichiarato un portavoce della cancelliera. E anche il presidente iraniano, Hassan Rowhani, ha condannato l'uso di armi chimiche in Siria, di fatto avallando la denuncia di un attacco con il gas nervino che sarebbe stato sferrato a Damasco mercoledì scorso.

Francesca Canelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PAXAETARNAE

    26 Agosto 2013 - 23:11

    NELL'ISLAM SONO FERMI AL 500 dc FANNO FIGLI PEGGIO DELLE CAVALLETTE SCOPANO COME DEI GRILLI SENZA PREOCCUPARSI SE POI I FIGLI NON HANNO NULLA DA MANGIARE E FINISCONO COSI'....IN CAOS TOTALE VI CHIEDEVATE QUANDO ARRIVERANNO GLI ALIENI? ECCOLI QUA'...CI SONO DA 1500 ANNI,,,,ED ERANO SOTTO I NOSTRI OCCHI...SPERIAMO CHE SI ELIMININO TRA DI LORO......HANNO GIA' STRA ROTTO I COGLIONI

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    25 Agosto 2013 - 19:07

    tutti si scandalizzano a morte, mentre non ci fanno proprio caso quando invece si usano le altre bombe.

    Report

    Rispondi

  • gianko

    25 Agosto 2013 - 14:02

    ma 'sti stronzi usa & idioti vari europei (francia ecc.) proprio sull'esperienza del kossovo devono giustificare un intervento militare? si è visto (ma non ce n'era bisogno, la Lega UNICA tra i coglioni italioti era contraria e lo motivava con argomentazioni + che convincenti, perchè se bossi si è dimostarto un cialtrone non vuol dire che le idee della Lega siano sbagliate, cari miei terroni sinistronzi del cazzo, fancazzisti statali ecc. *patrioti di 'sta minchia*, in guerra avete sempre tirato indietro la gamba, felloni, falsi invalidi, FETENTI!) dicevo si è visto cosa hanno combinato.. 'sti maiali luridi filoislamici IL KOSOVO E' DIVENTATO UNO STATO CANAGLIA CON TRAFFICO DI ARMI, DROGA, ORGANI OTTENUTI CON GLI OMICIDI DEI 'DONATORI')PROSTITUTE, DISTRUZIONE DELLE CHIESE CRISTIANE, APPROPRIAZIONE DEL TERRITORIO *SERBO* potrei scrivere molto altro ma non c'è spazio.. gli idioti sottoculturati si aggiornino, NAVIGARE NECESSE EST, VIVERE NON NECESSE (specialmente x gli imbecilli!!)

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    25 Agosto 2013 - 12:12

    Comincino ad abbandonare l'idea FOLLE DEL BILDERBERG GROUP e comincino a pensare a casa loro. Nessuno li ha delegati a GUARDIA ARMATA DEL MONDO. Ritirino i loro militari dal mondo e comincino a LAVORARE per il BENE DEL MONDO. Le aziende produttrici di armi ed il potere energetico, diversamente, sarà la TOMBA DEGLI USA. Obama, nel mondo sei un essere umano, il mondo può fare a meno di te. Non è un problema. MORTO UN PAPA, SE NE FA UN ALTRO. Pensaci e contattami in Skype: lallo1045(male ma mastico un pó di inglese se parli lentamente(speack slow)).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog