Cerca

Kamikaze in hotel

15 morti in Pakistan

Kamikaze in hotel
 Un attacco suicida all'hotel Pearl Continental nella città pakistana di Peshawar è costato quindici vittime e 57 feriti. Tra le vittime ci sono due funzionari dell'Onu: un serbo, Aleksander Vorkapic, che lavorava per l'Alto commissariato per i rifugiati (Unhcr), e la filippina Perseveranda So, che lavorava per l'Unicef. Tre persone risultano disperse. L'albergo di lusso è stato assaltato dai terroristi a bordo di un veicolo carico di esplsosivi: prima c'è stata una sparatoria con gli uomini della sicurezza, poi il mezzo è stato fatto saltare nel posteggio. A bordo  c'erano circa 5 quintali di dinamite, oltre cinquanta auto sono andate distrutte nella deflagrazione e un'intera ala del Pearl è crollata. Tra i feriti ci sarebbero anche il ministro per la Carità della Provincia della frontiera nord-occidentale (Nwfp), Rashid Khan, e un senatore del Partito nazionale democratico (Anp), Nabi Bangash. Le modalità d'azione del commando sono molto simili a quelle che lo scorso 20 settembre provocarono sessanta morti al Marriot hotel di Islamabad.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog