Cerca

Venti di guerra

Siria, missili nel Mediterraneo: "Esercitazione di Israele e Usa"

Siria, missili nel Mediterraneo: "Esercitazione di Israele e Usa"

Barack Obama ha ribadito poche ore fa la sua posizione nei confronti della Siria. Il presidente americano ha chiesto al Congresso un voto in tempi brevi per la questione del raid siriano, dicendosi fiducioso di una decisione favorevole. "Non è l'Iraq, non è l'Afghanistan - ha spiegato -  Stiamo parlando di un raid limitato, proporzionato, che è un messaggio non solo ad Assad, ma anche ad altri che potrebbero pensare di usare armi chimiche anche in futuro". Dopo la decisione di aspettare il benestare del Congresso per un eventuale attacco, questione che aveva scatenato polemiche, il presidente arriva così ad un nuovo dietro-front. Sì all'attesa, ma non prolungata.

Intanto, in attesa di capire se e quando i caccia americani, attaccheranno le basi militari di Assad, in mattinata si era scatenato un giallo: due missili, rilevati dai radar russi, sono stati lanciati nel Mediterraneo, con traiettoria partita dal Mediterraneo centrale verso le coste orientali. Alla notizia, le voci allarmistiche si sono susseguite: attacco di Francia e Stati Uniti non andato a buon fine, strategia della tensione, scaramucce pericolosissime? Passa un'ora e l'agenzia Interfax-Avn, riferendo di fonti diplomatiche-militari a Mosca, parla di "due palloni-sonda meteorologici". Caso chiuso?

"Esercitazione Israele-Usa" - No, perché il giallo dei due "oggetti balistici" sarebbe stato risolto: il ministero della Difesa di Israele, a quanto riporta YnetNews, avrebbe completato in collaborazione con le forze Usa un'esercitazione di lancio e intercettazione radar di un missile Sparrow. E' quindi possibile, secondo la stampa israeliana, che l'avvistamento russo facesse riferimento a questa esercitazione. I media israeliani hanno riferito che il test sarebbe consistito nel lancio di missili Ankor Kahol (lancia blu) da basi nel Mediterraneo e dal centro di Israele. Gli Ankor sono vettori realizzati da Israele per imitare i missili Shahab iraniani nei test del sistema di difesa anti-missile Hetz, già sperimentato nell'Oceano Pacifico.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    04 Settembre 2013 - 12:12

    infatti è la questione dell'Iran da sistemare passando per la Siria, ecco il perchè della guerra. Si è parlato della cena di Kerry con Assad, ebbene è da quella cena che inizia l'avventura siriana per gli americani. Kerry non riuscendo a convincere Assad per una linea morbida verso Israele, staccandosi di fatto dall'Iran, è maturato in seguito il piano americano-israeliano per occupare i territori della Siria per installare le basi americane per poi colpire i siti nucleari dell'Iran.

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    03 Settembre 2013 - 20:08

    vuole fare la sua stronzata prima che scada il mandato.

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    03 Settembre 2013 - 16:04

    ***Evidentemente Putin ha voluto far intendere che se per loro, i guerrafondai, sono missili per attaccare la Siria, per lui non sono altro che bazzecole. Ossia dei palloncini gonfiati. Ne vedremo sicuramente delle belle. Questa volta, suppongo io, gli USA & Getta con i Francesi, dovranno mettersi la coda in quel posto. Alla faccia dei nobel per la pace e soprattutto per gli idioti mancini falliti che abbiamo, (purtroppo ma, ancora per poco) nella Nostra Grande Patria e non di chi odia tutto e tutti e soprattutto sé stesso. Kanker sociale!*

    Report

    Rispondi

blog