Cerca

Terrorismo

La minaccia del leader di Al-Qaeda:
"Attaccare gli Usa a casa loro"

Il videomessaggio di Al Zawaihri: "Dobbiamo dissanguare gli Stati Uniti"

La minaccia del leader di Al-Qaeda:
"Attaccare gli Usa a casa loro"

In un momento in cui gli Usa sono impegnati a decidere se attaccare o no la Siria, da Al Quaeda arriva una nuova minaccia. Il capo dell'organizzazione terrorista, Ayman al Zawaihri, ha affermato tramite un videomessaggio che bisogna "attaccare, approfittare della debolezza economica dell'America, alle prese con le spese militari per la difesa". Un appello a tutti i suoi seguaci affinché gli Stati Uniti e i loro alleati siano colpiti ovunque.

Attacchi disparati - Secondo Ayman al Zawahri, successore di Bin Laden, "per fare restare l'America sotto pressione e in stato d'allerta occorre qualche attacco qui, qualche attacco là. Dobbiamo dunque continuare questa guerra sul loro territorio". Nel suo messaggio al Zawahri ha anche invitato gli jihadisti ad agire da soli o in gruppo per condurre questi attacchi "disparati".

Modello Boston - Il riferimento per gli attacchi "deve essere quello di Boston -  continua al Zawahri, riferendosi all'attentato dello scorso 15 aprile -. Dobbiamo dissanguare economicamente l'America provocandola, in modo che continui a spendere massicciamente sulla sicurezza". In questo modo Al Quaeda riuscirà a tenere sotto scacco l'America, in "continua tensione e trepidazione". "Ora dobbiamo fare a casa loro come abbiamo fatto in Somalia, Yemen, Afghanistan", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    17 Settembre 2013 - 00:12

    Osama Bin Laden lo hanno trovato. Troveranno anche te.

    Report

    Rispondi

  • disilluso^2

    13 Settembre 2013 - 21:09

    Gli Arabi sono proprio arrabbiati! Dopo le numerose guerre americane in Medioriente ed i 500.000 bambini ammazzati in Iraq dall'embargo USA, si vogliono vendicare. Che fara Obama premio nobel per la pace e che promuove la guerra in Siria? Un disastro!!

    Report

    Rispondi

blog