Cerca

Follia sul web

Killer per gli 'One Direction':
"Seguitemi, o uccido il cane"
Poi la foto della bestia morta

La fan chiede su Twitter alla band di seguirla. Loro non rispondono, così lei pubblica l'immagine raccapricciante. Una bufala? Account chiuso

2
Killer per gli 'One Direction':
"Seguitemi, o uccido il cane"
Poi la foto della bestia morta

Quando l'amore per una band diventa ossessione si possono compiere gesti folli. Una ragazzina inglese, fan della baby-band dei One Direction, come riporta il Daily Mail, è rimasta delusa dai membri del gruppo non le rispondevano su Twitter. Anzi, non la "calcolavano" proprio, e soprattutto non la "seguivano". Lei invece voleva essere tra i "followed" della band britannica, tanto che per ottenerlo li ha minacciati. Ad andarci di mezzo però è stato il cane della ragazza: "Se non iniziate a seguirmi lo uccido", questo il messaggio inviato su Twitter con tanto di foto del cagnetto schiacciato a terra da una mano. Tra i milioni di messaggi, non c'è da stupirsi che i One Direction non le abbiano risposto nemmeno questa volta. E lei qualche giorno dopo, sentendosi ancora ignorata, ha scritto direttamente al leader della band, Liam Payne: " Ti amo. seguimi. Il mio cane è appena morto". Allegando la foto del cane che giaceva tra le sue braccia. Una bufala? Non si sa, ma si spera sia tale. Intanto il profilo della giovane è stato cancellato.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • isthar

    14 Settembre 2013 - 22:10

    eh, i paesi anglosassoni tanto cari ai nostri commentatori, anche lì c'è qualcosa che non quadra...

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    14 Settembre 2013 - 11:11

    questi network non hanno proprio nulla, sono il massimo della scempiaggine. Assieme a Facebook, et similia varia, andrebbe chiuso per legge per manifesta inutilità. E andrebbero pure chiusi tutti quei blog che richiedono, per poter commentare, l'accesso con un account dei suddetti. Ma finitela, cavolo....

    Report

    Rispondi

media