Cerca

La rivelazione

Obama: "Ho smesso di fumare, sono terrorizzato da mia moglie"

Un microfono resta acceso e le parole del presidente Usa vengono registrate. A tenere il comando è Michelle

Barack obama e Michelle

Certo lo stress non deve mancargli, essendo il presidente di una potenza com gli Stati Uniti. Eppure, stando a quanto riporta la stampa a stelle e strisce, Barack Obama non tocca una sigaretta "probabilmente da sei anni". E' lui stesso a confermarlo in un'intervista "rubata". Alla conclusione dell'Assemblea Generale dell'Onu, il presidente americano si è fermato a parlare con un collega: ma accanto a loro un microfono della Cnn era ancora acceso e ha registrato la conversazione. Obama ha chiesto al suo interlocutore se avesse smesso di fumare, e, quando quello gli ha rigirato la domanda, il presidente ha ammesso di non fumare da almeno 6 anni, aggiungendo con voce ironica: "E' perché sono terrorizzato da mia moglie". 

Non facile arrivare a questo risultato, però. Il "vizietto" del premier era diventato un tormentone sui media americani durante la sua campagna elettorale per la Csa Bianca, nel 2008. Nel suo primo anno di mandato, il presidente affermò di essere "quasi guarito", concedendosi una sigaretta solo ogni tanto. Nel 2010 l'allora portavoce della White House, Robert Gibbs, rivelò che il presidente non fumava da 9 mesi e che stava "tenacemente" tentando di smettere. 

Chi invece boccia il vizio del fumo è la moglie Michelle. Impegnata in continue battaglie salutiste, la first lady non ha mai nascosto la sua avversione per le sigarette. Con la rivelazione Obama svela così chi tiene il pugno di ferro in casa, mettendo in riga uno degli uomini più potenti al mondo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ectosilver

    29 Settembre 2013 - 13:01

    Ormai anche l'uomo più potente (sulla carta), del pianeta , non può sfuggire alla sottile legge del "politicamente corretto" ed è costretto a fumare in bagno o nel ripostiglio della Casa Bianca.

    Report

    Rispondi

blog