Cerca

Il crollo finanziario

Usa, le conseguenze dello shutdown: chiude la Statua della Libertà

800mila dipendenti pubblici a rischio, Obama non si arrende

Barack Obama

Barack Obama

Il Congresso degli Stati Uniti non trova l’intesa sul l finanziamento della macchina statale e ora l'amministrazione non è più in grado di pagare gran parte dei servizi pubblici, con almeno 800 mila dipendenti pubblici a rischio. L’ultimo shutdown risale al 1996. Obama attacca i repubblicani: "Hanno chiuso il governo, ma non l'Obamacare""Sfortunatamente non abbiamo chiare indicazioni che il Congresso possa agire in tempo perché il presidente possa firmare una risoluzione di prosecuzione entro la fine del giorno primo ottobre 2013", si legge in un memorandum diffuso dall'ufficio Gestione e bilancio della presidenza americana. "Questo è un giorno molto triste per il nostro Paese", ha commentato il democratico Harry Reid, leader della maggioranza al Senato, che ha bollato come "anarchici" i repubblicani che hanno impedito l'approvazione del bilancio alla Camera.

In seguito al blocco dei fondi, circa 800mila lavoratori statali non riceveranno più stipendio, ci sarà la chiusura di musei, degli sportelli ministeriali e persino dei parchi naturali in tutti gli States. Oggi la chiusura perfino della Statua della Libertà. Duro il commento del presidente Barack Obama per il quale l'impatto sull'economia sarà il peggiore dalla seconda guerra mondiale. "L'hanno fatto. Un gruppo di repubblicani della Camera ha forzato lo shutdown del governo per l'Obamacare invece di passare una vera legge finanziaria", ha scritto su Twitter accusando il Gop di essere l'unico responsabile dello stop dei finanziamenti federali. Ma il presidente aggiunge che la riforma sanitaria va avanti "non potete chiuderla, il nuove mercato delle assicurazioni sanitarie apre i battenti oggi". E in un video messaggio dal fortissimo significato simbolico diffuso subito dopo il blocco si è rivolto alle truppe. "Voi e le vostre famiglie meritate molto meglio delle disfunzioni viste al Congresso", ha scandito il presidente, che in qualità di Commander in Chief ha voluto personalmente rassicurare i militari. "Chi è in divisa manterrà il suo normale status di servizio", ha affermato, sottolineando che verrà fornito tutto il necessario per l'andamento delle missioni all'estero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ectosilver

    03 Ottobre 2013 - 00:12

    Giudico il sistema sanitario americano, indegno di una nazione civile. Almeno l'assistenza di base dovrebbe essere garantita anche ai non abbienti .

    Report

    Rispondi

  • blackbird

    02 Ottobre 2013 - 13:01

    Con le tariffe pubblicate nei siti ufficiali, una famiglia di 4 o 5 persone andrà a pagare attorno ai 10 ÷ 15.000 dollari all'anno di assicurazione obbligatoria! Non so quanti elettori ringrazieranno Obama per questo! Es. un maschio di 20 anni, non fumatore, 110 $ al mese, uno di 25, non fumatore, 130, uno di 65, sempre non fumatore 345$. Formate un'allegra famigliola, moltiplicate per 12, mettete che qualcuno fumi e poi vedrete l'importo.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    02 Ottobre 2013 - 11:11

    Come pensano di spuntarla alle prossime elezioni? Remando contro il popolo per difendere i loro interessi economici e di casta , pensano che qualcuno li eleggerà ancora?

    Report

    Rispondi

blog