Cerca

La censura del regime

Corea del Nord, in tv musica patriottica al posto della cerimonia di apertura delle Olimpiadi

10 Febbraio 2018

4
Corea del Nord, in tv musica patriottica al posto della cerimonia di apertura delle Olimpiadi

Niente sfilata delle squadre del Nord e del Sud unite sotto la bandiera della Corea riunificata. Niente cerimonia di inaugurazione dei giochi. Niente stretta di mano tra la sorella di Kim Jong-Un, Kim Yo-jong, e il leader di Seul Moon Jae-In.

In Corea del Nord, ieri,  non hanno visto nulla di tutto questo, che è andato invece in onda su tutte le televisioni del resto del mondo. Nè ne hanno letto oggi sui giornali, vista la strettissima censura del regime di Pyongyang sulla stampa del Paese. Troppo, per un regime che si è sempre vantato del suo isolamento, al punto da farne il perno stesso della sua esistenza. No, mentre tutto quello accadeva e veniva trasmesso in tutto il mondo, la Korea Central Tv trasmetteva il consueto repertorio di musica patriottica. E poche ore prima aveva trasmesso le immagini della parata militare con carri armati e missili che Kim ha voluto nel giorno precedente l'apertura dei Giochi. E' possibile che una parte delle immagini della cerimonia olimpica sia mandata in onda tra qualche giorno, come era accaduto in occasione delle Olimpiadi di Sochi, quando le immagini furono mandate in onda due giorni più tardi. Dopo una accuratissimo lavoro di controllo e censura.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MarcellaRob

    MarcellaRob

    11 Febbraio 2018 - 09:09

    Sarà un piacere leggere cosa dicono i sinistrati su questo....

    Report

    Rispondi

  • scovazza

    10 Febbraio 2018 - 18:06

    Questa è la democrazia che piace tanto ai comunisti che vengono a postare su questo sito.

    Report

    Rispondi

  • umbe65it

    10 Febbraio 2018 - 14:02

    Forza boldry, che risci a migliorare l'italia fino a portarla allo stesso livello della corea del nord!

    Report

    Rispondi

media