Cerca

Tutto il mondo è Paese

Germania, immigrato respinto si impicca: bufera su Horst Seehofer, l'ultima follia del fronte pro-immigrazione

12 Luglio 2018

5
Horst Seehofer, Angela Merkel

Bufera sul ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer. La ragione? Il suicidio di un afgano di 23 anni, che dopo essere stato espulso dalla Germania si è impiccato a Kabul. Insomma, il ministro che ha fatto traballare Angela Merkel sull'emergenza-migranti ora finisce sul patibolo per aver fatto rispettare le leggi del suo Paese, rispedendo a casa chi non aveva diritto di stare in Germania. Quando il provvedimento fu eseguito, Seehofer espresse il suo assenso: "Nel giorno del mio 69 compleanno, e non l'ho ordinato io, 69 persone sono state rimandate indietro in Afghanistan", disse. Una frase che ora viene usata contro di lui. Seehofer si è detto "dispiaciuto" di quanto accaduto, ma ha detto di non sentirsi responsabile del suicidio.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JeffBeck

    12 Luglio 2018 - 13:01

    UN SOLO AFGANO? POCO.

    Report

    Rispondi

  • JeffBeck

    12 Luglio 2018 - 12:12

    SOLO UNO?

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    12 Luglio 2018 - 11:11

    se si é impiccato cazzi suoi , comunque di quelli ce ne sono abbondanza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media