Cerca

Il caso

Svizzera, boom di prostitute regolari da altri Paesi

Un fenomeno legato alla crisi: sono sempre di più le donne straniere che si trasferiscono nella Federazione per vendere (regolarmente) il proprio corpo

24 Ottobre 2013

11
Svizzera, boom di prostitute regolari da altri Paesi

Parlano le cifre: già nel 2010, a Ginevra, si contavano circa 80 donne spagnole, registrate come regolari lavoratrici del sesso: in Svizzera, infatti, la prostituzione è legale. Ma ora la cifra, secondo quanto riferito della polizia, stando alla sola Ginevra si sarebbe impennata: le prostitue regolari sarebbero 320 (e parliamo soltanto delle donne spagnole). Senza contare, inoltre, tutte le donne irregolari. Le cifre sono state riportate dal quotidiano elvetico Blick.

Un nuovo fenomeno legato a doppio filo alla crisi economica. "Sono soprattutto madri che vengono qui per sfamare le loro famiglie", spiega al quotidiano Le Matin Marianne Schweizer, dell'associazione Aspasie, che aiuta le prostitute. E l'esercito di casalinghe che emigra in Svizzera per vendersi non è soltanto spagnolo. Sono infatti moltissime le donne che arrivano da Romania e Bulgaria: entrano in Svizzera passando dalla Spagna, poiché nel Paese elveitco non è prevista la possibilità di circolare liberamente per chi proviene da quelle nazioni.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    14 Aprile 2014 - 09:09

    Anche questo è un vantaggio dellEuropa ,o no sigf Napolitano .Portano valuta e fanno pil no?

    Report

    Rispondi

  • BIRDIE

    26 Ottobre 2013 - 12:12

    come si fa ad entrare in Svizzera passando dalla Spagna ???

    Report

    Rispondi

  • operalnero

    26 Ottobre 2013 - 08:08

    Concordo con lei.Dovremmo domandarci perché in Italia non si legalizzi la prostituzione,non credo si tratti solo per la presenza del Vaticano,se si pensa che sono stati legalizzati l'aborto e il divorzio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media