Cerca

Una nuova vita

Dal college chic al mondo sadomaso. La storia di Alexis, una 36enne americana neo regina dell'hard

"Prima pranzavo con le forchette d'argento, ora gli sceneggiatori di Broadway mi implorano di picchiarli": la nuova regina dell'hard newyorkese

Alexis Lass

Alexis Lass

Dai pranzi chic con le posate d'argento del college lussuoso che "era stata costretta" a frequentare ai frustini degli scenari sadomaso che "aveva scelto" di frequentare. Alexis Lass, come racconta LaStampa.it, era una giovane ragazza figlia di due genitori bohemiens, padre pittore espressionista e madre pubblicitaria. Abitava nell'Upper East Side di Manhattan ed era stata ammessa in una scuola privata a cinque stelle con una retta di 40.000 dollari l'anno, una scuola che permetteva di entrare nella società dalla porta principale: "Pranzavamo sempre in una stanza con affreschi pregiati, e mangiavamo solo con le posate d'argento. Una volta si ruppe la lavastoviglie, ma la preside non si arrese: le mie ragazze - disse - non mangiano con forchette di plastica. Credo che affittò le posate, in attesa che la lavastoviglie tornasse a funzionare", racconta Alexis. Poi, le "etichette", gli inchini giornalieri alla preside. Insomma, una vita per cui proprio non era predisposta.

La "nuova vita" - Alexis ora ha 36 anni, e quella vita l'ha abbandonata del tutto. L'incontro con una donna dai capelli neri e la pelliccia è stato illuminante: diceva di chiamarsi Goddess Severa. Forse un nome di fantasia, perché, di mestiere, faceva "la dominatrice di uomini". E Alexis ne rimase affascinata. Dal suo ragazzo tedesco-americano, che la vedeva sempre più interessata, è arrivato l'invito a visitare un club sadomaso. Così, eccola qui, a pubblicare un libro in cui racconta le sue avventure: The Posh Girl's Guide To Play, appena pubblicato, è un'altra versione di Cinquanta sfumature (di grigio, di rosso e di nero), la trilogia cult, ed erotica, di E. L. James, con un'unica e sostanziale differenza: qui, non c'è niente di inventato. 

Il sadomaso - Dalla scuola prestigiosa, e dall'università poi abbandonata, Alexis si è ritrovata in tacchi a spillo e frustino dentro una stanza in cui uno sceneggiatore di Broadway la supplicava di picchiarlo: "Mio Dio - pensava -, non voglio essere la persona che realizza il tuo sogno di morte". Ma, dopo l'iniziale inquietudine, il lavoro le piacque e divenne perfino una regista di video-hard. Non si sa se il suo libro di memorie otterrà lo stesso successo di quello della James, ma forse scandalizzerà Manhattan, e quelle compagne di scuola chic (tra cui c'era pure la Paltrow) così diverse da lei: "Ho rivisto alcune ex compagne di scuola. Ci siamo collegate su Facebook, dove ci sono tutte le mie foto da dominatrice. Forse le ho scandalizzate, o forse no: tutti a New York conoscono qualcuno che frequenta questo genere di club, in segreto. Se le ho scandalizzate, però, di sicuro non lo ammetteranno mai".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog