Cerca

Il leader palastinese

Arafat, spazzati via i dubbi: "Fu avvelenato col polonio"

L'università di Losanna ha concluso le analisi sulla salma: l'ex presidente Olp è stato assassinato. "Tracce di veleno nelle costole e nel bacino"

Yasser Arafat

Yasser Arafat

Il sospetto trova conferme: Yasser Arafat, storico leader dell'organizzazione palestinese Olp, è stato avvelenato con il polonio 18. A dare fondamento a un'ipotesi già sostenuta da molti è il laboratorio clinico dell'università di Losanna, incaricato di analizzare le spoglie di Arafat. Nel rapporto di 118 pagine, le cui conclusioni sono state anticipate dalla tv qatariota al Jazeera, si legge che "nelle costole e nel bacino del leader palastinere si si è trovato un innaturalmente alto livello di polonio radioattivo". Tanto basta per sostenere che "c'è un 83 per cento di probabilità" che Arafat (morto l'11 novembre 2004 all'età di 75 anni) sia stato avvelenato".

Le reazioni - Gli esperti svizzeri hanno consegnato a Parigi la relazione del loro studio alla vedova Arafat, Suha, (che ha autorizzato la riesumazione della salma). "Sono di nuovo a lutto - ha commentato -, è stato come se mi avessero detto che è appena morto. Adesso so che è stato assassinato". Dello stesso avviso Nabil Shaath, ufficiale palestinese e storico esponente dell'Olp: "Non avevo alcun dubbio sul fatto che Arafat fosse stato avvelenato: ora abbiamo la conferma". Shaath, che era amico personale del leade Olp, invoca un'inchiesta che faccia luce sule responsabilità: "E' stato ucciso, ora dobbiamo sapere come e chi lo abbia avvelenato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    07 Novembre 2013 - 10:10

    Il Polonio, ha un tempo di dimezzamento molto rapido che, unito alla sua estrema virulenza ne fà effettivamente un'eccellente arma, capace di dissolversi rapidamente, senza lasciare tracce imbarazzanti. Per trovarne tracce significative, dopo otto anni, Arafat avrebbe dovuto ingerirne una quantità enorme, il che é estremamente improbabile. Primo per ragioni di costo e difficolté di trasporto e secondariamente perché una tale quantità l'avrebbe reso fluorescente ed avrebbe sterminato tutti quelli che gli stavano attorno.

    Report

    Rispondi

  • accanove

    07 Novembre 2013 - 09:09

    Non è mai piaciuta ai mussulmani la presa di posizione degli ultimi anni di Arafat, la guerra ad Israele e all'occidente oltre che sacra per la loro "religione" ha sempre portato denaro e finanziamenti ai palestinesi, Arafat era l'unico autoritario riferimento possibile per una pace nonostante il suo passato. Il polonio dagli originali produttori può tranquillamente passare di mano agli ex satelliti di religione mussulmana, è sicuramente merce sul mercato

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    07 Novembre 2013 - 09:09

    hanno fatto bene Arafat era una losca figura amico dei terroristi ed era pure un ladro

    Report

    Rispondi

  • aranciacasa

    aranciacasa

    06 Novembre 2013 - 23:11

    Ma se penso al polonio mi viene in mente un unico fornitore...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog