Cerca

Figlio nero da coppia bianca

I due fanno causa alla clinica

Figlio nero da coppia bianca
 Volevano un figlio, ma alla sua nascita hanno avuto una sorpresa: il figlio era nero. I due neo genitori, entrambi nordirlandesi, si erano rivolti a un centro specializzato nell’infertilità per avere un figlio bianco. Visto che è uscito nero, e non ci sono dubbi su eventuali tradimenti, i due si preparano a portare in tribunale la clinica di Belfast che per errore ha fertilizzato l'ovulo della donna con lo sperma di un uomo sudafricano.

Keith e Catherine Williams vogliono che l'ospedale elargisca loro un risarcimento per il trauma emozionale che l'intera famiglia è costretta a soffrire: Michael (non il suo vero nome), che ora ha dieci anni, chiede in continuazione ai genitori perché non è bianco come loro e come la sorella Susan di tre anni più vecchia. Alla madre viene ripetutamente chiesto invece se ha avuto una relazione con un altro uomo, mentre il padre (che a causa di una ciste al testicolo non può avere figli) teme che quando dirà la verità al bambino questi lo rifiuterà. L'errore colpisce anche la figlia maggiore Susan.
Anzichè utilizzare lo sperma di un «caucasico bianco», i medici hanno invece utilizzato quello di un «caucasico sudafricano», ovvero un misto di bianco, nero e asiatico, dal quale possono nascere bambini sia bianchi che neri. Susan è nata dalla stessa serie di ovuli fertilizzati e sebbene bianca potrebbe quindi un giorno avere lei stessa figli neri. Parlando della sua difficoltà a dire a Michael la verità, il 47enne Keith ha dichiarato: “La gente può dire che avrei dovuto raccontargli prima tutto, ma a che età si possono spiegare queste cose in modo che le capiscano. Il fatto è che non avremmo mai dovuto trovarci in questa situazione. Sta diventando grande e sempre più confuso”.
“A scuola ha subito insulti razzisti - ha aggiunto - con gli altri bambini che gli chiedono “Di dov'è tuo padre?”. Viviamo in una piccola comunità che è prevalentemente bianca, la gente se ne accorge e fa illazioni, il che è stressante e doloroso”.
I Williams non sono gli unici a soffrire per gli errori commessi dalle cliniche per la fertilità in Gran Bretagna, che secondo nuove statistiche ufficiali nell'ultimo anno sarebbero stati almeno 200. Proprio ieri è emerso che un ospedale di Cardiff ha impiantato nella donna sbagliata l'ultimo ovulo di una 38enne che ora ha quindi perso ogni speranza di avere figli. Lo scorso mese un ospedale londinese ha dovuto distruggere tre embrioni dopo che i medici si erano accorti di averlo fertilizzato con lo sperma sbagliato. Sono 35.000 le donne britanniche che ogni anno si rivolgono alle cliniche per la fertilizzazione in vitro, 15.000 in più rispetto al 1995. Nonostante ciò il numero di strutture, circa 120, che offrono questo tipo di trattamenti non è aumentato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    16 Giugno 2009 - 10:10

    'O contane 'e cummare chist'affare "sti fatte nu so' rare nu so' rare, se ne contane a migliare. A 'e vvote baste solo na guardate e 'a femmene è restate sott'a bbotte mpressiunate. Sèh na guardate sèh. Sèh na mpressione sèh. Va' truvanne mo chi è stato ch'ha cogliuto bono o tiro chillo 'o fatto è niro niro niro, niro comme a cchè...... APPUNTO!

    Report

    Rispondi

blog