Cerca

Il dramma di un'adolescente

NUOVO ORRORE IN INDIA
Stuprata e messa incinta
poi la bruciano viva
Aveva solo dodici anni

La piccola aveva osato denunciare i suoi aguzzini che l'hanno cercata e l'hanno ammazzata

NUOVO ORRORE IN INDIA
Stuprata e messa incinta
poi la bruciano viva
Aveva solo dodici anni

La minorenne indiana morta dopo esser stata stuprata per due giorni consecutivi e poi bruciata viva dai suoi aggressori aveva solo 12 anni (non 16 come ritenuto finora) ed era incinta di uno dei suoi aggressori. Il feto -che l’esame post-mortem ha rivelato essere di circa un mese-, rivela L’Hindustan Times è stato ora sottoposto a esame del dna e la polizia ha prelevato il sangue degli arrestati per capire chi abbia messo incinta la ragazzina. 

L'adolescente, originaria di Madhyagram, 25 chilometri a nord di Calcutta, è stata aggredita da sei uomini per la prima volta il 26 ottobre nei pressi della sua abitazione. La violenza si è ripetuta identica il giorno successivo quando la giovane stava tornando a casa dal commissariato dove aveva denunciato la violenza di gruppo. Lo scorso 23 dicembre due delle persone legate allo stupro l’hanno aggredita nuovamente nella sua abitazione e, questa volta, le hanno dato fuoco. 

La piccola aveva solo 12 anni. Dai registri scolastici infatti risulta che era nata il 5 febbraio del 2001: avrebbe dunque compiuto 13 anni il prossimo mese. La bimba faceva la spola, insieme alla madre, tra il villaggio d’origine dove è avvenuto lo stupro e la casa alla periferia di Calcutta dove il padre di era trasferito anni fa, in cerca di lavoro. Dopo i due stupri, la famiglia è rimasta fino a metà novembre nel villaggio, ma poi probabilmente per sfuggire ai suoi aguzzini che minacciavano la piccola di morte per aver osato denunciarli, è tornata a Calcutta. E questo per la giovane vittima è stato fatale: propria nella casupola ancora non finita di costruire vicino all’aeroporto dove la famiglia viveva, la piccola è stata ritrovata dai suoi aggressori e data alle fiamme. La polizia ha chiesto di accelerare i tempi degli esami per capire chi fosse il padre del nascituro. La vicenda ha infiammato l’opinione pubblica indiana; giovedì migliaia di persone si sono riversate in piazza nella metropoli nord-orientale, ma anche a New Delhi. Proteste anche contro la polizia che ha tentato di forzare la mano per cremare il corpo dell ragazzina, contro il volere del padre che voleva il funerale pubblico. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberal1

    21 Gennaio 2014 - 05:05

    Vedete questo paese sotto sviluppato che fa atrocità vuole darci lezioni di giustizia trattenendo i nostri Marò che cazzo di politici di merda abbiamo lasciano i nostri soldati in mano a dei primitivi. La politica Italiana ha la dignità sotto le scarpe. Devo dare ragione ai grillini a loro non gli ne frega un cazzo dell'ITALIA basta che stanno bene loro nelle loro auto blu e il maxi stipendio con relativi bonus e rimborsi spese litigano in aula poi fanno accordi sotto banco in transatlantico tra le varie componenti politiche alla faccia degli Italiani e poi ci meravigliamo che gli indiani ci trattano da repubbblica delle banane?

    Report

    Rispondi

  • primus

    03 Gennaio 2014 - 15:03

    è incredibile che l'Italia si faccia bacchettare da uno stato del genere, dove la democrazia non esiste, dove atti di pedofilia stupri di minorenni e violenze sulle donne sono all'ordine del giorno. Ma perché lo stato italiano accetta tutto questo ?, perchè si fa mettere alla berlina sia negli affari che nei principi della sua sovranità da politici che non sanno gestire i principi fondamentali di quella nazione. Cacciassero l'ambasciatore al suo paese per dare un segnale a quei cialtroni di amministratori di politici indiani che hanno fatto dell'arroganza e della ritorsione su l'Italia la loro forza in campo internazionale, mentre in quello locale, i pedofili, i violentatori di bambine in gran numero in quel paese la fanno da padroni. Che schifo, vogliono dimostrare di avere i koglioni, ma ahimè, i nostri politici governanti che avrebbero dovuto tirali fuori già da tempo, per le loro incapacità sono peggio di quelli indiani

    Report

    Rispondi

  • zuccherodicocco

    03 Gennaio 2014 - 14:02

    L'India è fatta di queste storie terrificanti; mi piacerebbe che gli "esseri" in questione venissero dati a qualche miniera cinese, così, tanto per scontare un po' del dolore che hanno inferto a quella povera bambina; oppure una bella impiccagione...magari in pubblico; gli Indiani hanno trasmesso a ruota libera la morte di Simoncelli, io c'ero, ho visto e rivisto quel povero Sic giacere inerte, privo di vita sull'asfalto di Sepang.Una bella impiccagione stile indiano...

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    03 Gennaio 2014 - 13:01

    Questo paese dove vengono quasi tollerate queste porcate, dimostra tutte le sue enormi contraddizioni, fatte di ingiustizie, miseria, ignoranza e sottosviluppo culturale. Ma alla pari ci metto però anche le nostre femministe di sinistra, che si stracciano le vesti se si tratta delle olgettine con Berlusconi, ma poi, per casi disumani come questo, non sprecano neppure una parola,...... non è radical-chic..... Povere bestie.......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog