Cerca

Sex-gate

Hollande, la Trierweiler è pronta ad andare negli Usa con lui

La Trierweiler è pronta ad accompagnare il premier negli Usa. Ma lui vive nel dubbio: può ancora stare con lei?

Hollande, la Trierweiler è pronta ad andare negli Usa con lui

Il sex gate francese continua a tenere banco e oltralpe è in atto una vera e propria corsa allo scoop. La voce circolata oggi, martedì 21 gennaio, e ripresa dal sito di radio Rtl, che ha citato fonti vicine alla premiere dame, sostiene che Valerie Trierweiler sia pronta a perdonare il marito Francois Hollande, tanto da volerlo accompagnare nel suo viaggio a Washington l'11 febbraio. I più maliziosi sospettano che si tratti di un perdono "di comodo", giusto per incontrare Barack Obama e stringergli la mano. Il presidente, invece, è molto indeciso sul da farsi e non ha ancora capito se la sua relazione con l'attuale compagna possa continuare anche dopo il "ciclone" Giulie Gayet. La storia d'amore con l'attrice va avanti da tempo ma lo scoop del settimanale Closer - che ha svelato al mondo intero la vicenda - ha fatto vacillare Hollande. L'inquilino dell'Eliseo ha infatti promesso di chiarire la propria situzione personale prima della trasferta americana, ma i suoi consiglieri più fidati, sempre secondo l'emittente, starebbero insistendo affinché venga presa una decisione il prima possibile. Nel frattempo, Hollande prosegue i suoi impegni istituzionali in solitaria e, dopo la visita ai reali d'Olanda, il 24 gennaio volerà a Roma per incontrare Papa Francesco. In attesa di capire cosa deciderà il marito, la giornalista Valerie Trierweiler continua a riposarsi (a spese dei contribuenti) alle Lanterne, la bellissima residenza presidenziale nelle vicinanze del castello di Versailles.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    22 Gennaio 2014 - 03:03

    le facce di culo non sono solo in Italia.

    Report

    Rispondi

  • brutus

    21 Gennaio 2014 - 23:11

    Stando ad alcune indiscrezioni, non verificate, che appaiono sulla stampa francese, la pulzella avrebbe demolito la decorazione dell'ufficio di Hollande, prima di essere sedata dalle guardie e trasportata in clinica, dove é rimasta una settimana. Tenuto conto dei pezzi preziosi che arredano l'Eliseo, i danni pare ammontino a circa 3 milioni di euro.

    Report

    Rispondi

blog