Cerca

La risposta

Marò, Mauro avverte l’India: “Soluzione o niente missioni antipirati”

Il ministro della Difesa Mauro nella relazione alle commissioni di Camera e Senato: "Subito una soluzione, un rientro con onore. Altrimenti..."

Marò, Mauro avverte l’India: “Soluzione o niente missioni antipirati”

Il caso Marò ormai assume sempre più i toni di una guerra diplomatica tra India e Italia. I nostri fucilieri di marina attendono di sapere se l'India applicherà durante il processo le norme antipirateria che prevedono la pena di morte. Mentre l'India continua a prendere tempo, il ministro della Difesa, Mario Mauro avvia Nova Delhi: "E' notizia di ieri la dichiarazione  dell’Alto Rappresentante Ashton che sui marò ha espresso 'serie   preoccupazionì perchè la questione, a suo dire, rischia di avere   ripercussioni negative sulla credibilità degli sforzi della Ue nella   lotta alla pirateria. E’ mia premura sottolineare che la   partecipazione italiana alle future missioni antipirateria della Nato   e della Ue è legata intrinsecamente alla soluzione della vicenda dei   nostri marò, che dovrà concludersi positivamente con il ritorno a   casa, con onore, dei nostri due fucilieri”,ha affermato Mauro, nel suo intervento in Senato per le comunicazioni del governo sullo stato delle missioni in corso e degli   interventi di cooperazione allo sviluppo a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione. Insomma se i fucilieri non tornano a casa l'Italia è pronta a sospendere le sue missioni sul fronte pirateria.  

La petizione - Una questione che Mauro ha definito "particolarmente sentita da me e da tutte le forze armate italiane", parlando poi della petizione presentata nei giorni scorsi dall’Italia alla Corte suprema di New Delhi con cui veniva lamentato il "forte e ingiustificato ritardo accumulato dal governo e dalla magistratura dell’India per la conclusione delle indagini e per l’avvio del processo", oltre che per contestare il "ventilato ricorso alla normativa indiana antiterrorismo" da parte degli inquirenti indiani come base per la formulazione del capo di imputazione normativo che assimilerebbe, se accolto, l’incidente della nave mercantile a bordo della quale i due fucilieri di Marina si trovavano in servizio antipirareria "come atto di terrorismo". Mauro ha sottolineato che la petizione ha puntato a chiedere che "nelle more della formalizzazione dei capi di imputazione e del concreto avvio del processo, i due fucilieri facciano rientro in patria". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    06 Febbraio 2014 - 08:08

    @rossini , ti ricordi quando napolitano il grande traditore , ha dichiarato a proposito del nostro intervento per liberare i marò " debbo leggere gli incartamenti " ? io al tempo ho postato e censurato la battuta " figuriamoci , prima di finire di leggere si addormenterà e dirà la solita cavolata che è incostituzionale " due anni per decidere ? non hanno deciso , lo hanno fatto gli indiani hanno dato un calcio in faccia alle imprese italiane , tipo finmeccanica , hanno disdetto l'accordo sulla fornitura degli elicotteri , a questo punto facendo la vocetta delle mezze seghe hanno chiesto di restituire i marò . risata in faccia , e incazzatura nostra . ma vi pare intelligente che gli indiani dicano che i marò sono pirati ? e i pagliacci fingono di non aver sentito . ma quanta droga ingurgitate ?

    Report

    Rispondi

  • tolouan

    06 Febbraio 2014 - 07:07

    qualsiasi altro paese sarebbe andato da tempo a riprenderli da tempo , noi finora vergognosamente siamo rimasti in balia delle decisioni di un paese del decimo mondo adesso fuori le palle ministro di merda.

    Report

    Rispondi

  • eugeniolamarca

    05 Febbraio 2014 - 21:09

    andare a prendere i 2 maro' in india e riportateli in italia a tutti i costi.adesso ci siamo stufati ,

    Report

    Rispondi

  • rocc

    05 Febbraio 2014 - 20:08

    come si fa a scrivere il titolo: l'Italia alza la voce...--- Dopo due anni!?! Ma la cosa che non possiamo assolutamente digerire è che i nostri politici (Monti e altri) hanno rimandato in India i marò una volta che erano tornati in Italia pur sapendo che in India vige la pena di morte (la legge italiana vieta tale estradizione). I marò sono pieni di dignità, ma qualcosa potevano dire contro la restituzione all'India dove vige la pena di morte.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog