Cerca

La liberazione

Liberati Francesco Scalise e Luciano Gallo, operai italiani rapiti in Libia

I due uomini arriveranno in Italia alle su un aereo diretto all'aeroporto di Ciampino. Bonino: "Gioia e soddisfazione

Liberati Francesco Scalise e Luciano Gallo, operai italiani rapiti in Libia

Finalmente liberi. Francesco Scalise e Luciano Gallo, due operai edili italiani sequestrati in Libia, sono stati liberati oggi. I due uomini erano scomparsi lo scorso 17 gennaio in una zona compresa tra Derna e Tobruk, nella Cirenaica. I due uomini, di origini calabresi si trovavano in Nord Africa e lavoravano per conto della General World, una compagnia edile. Erano impegnati nella costruzione di una strada. Soddisfazione per la liberazione viene espressa dalla Farnesina. l ministro degli Esteri, Emma Bonino, ha scritto in una nota che la liberazione dei due uomini è "frutto di attività congiunte tra autorità libiche e italiane" ed espresso "grande gioia e soddisfazione". Scalise e Gallo rientreranno immediatamente in Italia. Secondo quanto avevano riportato i media libici, i due operai erano scomparsi nell'area di Derna, nella Libia Orientale, mentre si recavano al cantiere a bordo di un pulmino poi ritrovato in una zona isolata. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog