Cerca

"Ora è davvero troppo"

Marò, altro rinvio dell'India: l'Italia ritira l'amabasciatore

Altro schiaffo a Latorre e Girone: la decisione viene rimandata per la 26esima nota. La Bonino reagisce e ritira il diplomatico: "Indiani incapaci"

Girone e Latorre

Girone e Latorre

Sono bastati pochi minuti, all'India, per tirare un nuovo schiaffo all'Italia e ai nostri marò. Poco dopo l'apertura dell'udienza sul caso di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, ecco un nuovo rinvio: la Corte Suprema indiana decide di posticipare la decisione sul reato di terrorismo al prossimo 24 febbraio. L'ennesimo rinvio (il ventiseiesimo dall'inizio della vicenda) con cui i nostri due connazionali vengono tenuti in ostaggio. Troppo, anche per Emma Bonino, che annuncia: "Il governo italiano ha disposto l'immediato richiamo a Roma per consultazioni dell'ambasciatore a Nuova Delhi, Daniele Mancini". Una decisione, quella della Farnesina, che equivale a una sostanziale dichiarazione di guerra diplomatica.

"Incapaci" - Latorre e Giorne, ora, dovranno attendere altri sei giorni per ascoltare il parere del governo sulla possibile applicazione della Sua Act, la legge indiana anti-pirateria ed anti-terrorismo che l'Italia ritiene inapplicabile e che potrebbe anche portare alla pena di morte dei due marò. Durissimo il comunicato in cui la Bonino annuncia il ritiro dell'ambasciatore: "A fronte dell'ulteriore, inaccettabile rinvio deliberato in mattinata (...) e della manifesta incapacità indiana a gestire la vicenda, l'Italia proseguirà e intensificherà il suo impegno per il riconoscimento dei propri diritti di Stato sovrano, in conformità con il diritto internazionale. L'obiettivo prinicpale dell'Italia - continua la nota - resta quello di ottenere il rientro quanto più tempestivo in patria dei due fucilieri".

"Ora è troppo" - La repentina decisione della Corte indiana aveva suscitato anche la ferma reazione di Staffan De Mistura, inviato speciale del governo italiano in India: "L'ennesimo rinvio, il ventiseiesimo, il sesto in Corte suprema - ha commentato a caldo -. Ora francamente è troppo. E' chiaramente un segno della difficoltà del governo indiano", ha aggiunto indiganto. "Rinviino pure quanto vogliono, ma adesso, a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone deve essere concesso di lasciare l'India. Rinviino pure quanto vogliono, purché i nostri miliatri tornino in Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    19 Febbraio 2014 - 01:01

    all'estero e' stato Benito Mussolini. Mio padre prima della guerra era emigrato in Francia ed era rispettato, per bisogno ritorno' anche dopo e lo considerarono come una scarpa bucata. Quella mummia che si aggira per il Quirinale sta ancora raccontando la favola dell'antifscismo, mentre il paese perde il rispetto di fronte agli altri paesi. Ma perche' non si propone come scambio con i due maro', forse prima di morire riesce a fare una cosa giusta.

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    18 Febbraio 2014 - 16:04

    ecco , se torcono un solo capello ai nostri Marò , noi gli rimandiamo indietro tutti quei loro connazionali Mau mau che infestano il nostro paese ma glieli rimandiamo a pezzettini come il Lego nelle scatolette e senza istruzioni di montaggio....Italia paese di pecoroni...Israeliani , Inglesi , Francesi e Americani se li sarebbero andati a riprendere senza troppe storie con le buone o meglio con cattive. Pubblicatelo per favore...quanto ci manca Benito

    Report

    Rispondi

  • gosel

    18 Febbraio 2014 - 15:03

    Non sono gli Indiani che sono incapaci, siamo noi che non sappiamo far valere i nostri diritti e difendere i nostri concittadini. Loro ci stanno solamente prendendo per il culo e la debolezza dei nostri politici e della nostra diplomazia gli rendono il lavoro semplicissimo!!!

    Report

    Rispondi

  • kayak65

    18 Febbraio 2014 - 15:03

    che da situazioni del genere sono nati prima l'intolleranza poi il razzismo, il nazionalismo ed infine le guerre. assurdo se vogliamo vedere la cosa nella sua interezza che dall'india bistrattata dall'inghilterra per 2 secoli,parta una fiamma che puo' alimentare un incendio che puo' diventare indomabile.attenta india

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog