Cerca

Madrid ripudia Franco

Via i titoli di sindaco e 'figlio'

Madrid ripudia Franco
 Un altro passo verso la democrazia a suon di titoli aboliti: il municipio di Madrid oggi ha spogliato l'ex-dittatore spagnolo Francisco Franco del suo titolo di sindaco onorario e figlio adottivo della capitale, 33 anni dopo che la sua morte ha dato il via alla transizione verso la democrazia. I consiglieri di tutti i colori politici hanno votato all'unanimità per togliergli i titoli, oltre alla medaglie che Madrid conferì al generale di estrema destra, secondo quanto riferito da un portavoce. La mossa rappresenta l'ultimo di una serie di sforzi del governo socialista di rimuovere tracce di Franco dai nomi di strade, statue e altri simboli glorificanti il dittatore, che raggiunse il potere dopo tre anni di guerra civile conclusasi nel 1939 e governò fino alla sua morte nel 1975.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocoba

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Nel dare,giustamente,ragione al fatto incontrovrtibile che i dittatori non hanno colore,qualcuno richiama ed associa Mussolini a Berlusconi.Poichè alle ultime tornate elettorali non ho visto in giro manganelli,ricino o "listoni"il paragone mi sembra veramente fuori luogo fra chi ha vinto elezioni democratiche in un paese democratico e chi ha raggiunto il potere attraverso l'imposizione.A meno che come recita un ritornello molto caro a certi "liberi pensatori" la maggioranza degli aventi diritto al voto in Italia si sia improvvisamente ed inopinatamente svegliata "fascista" il giorno delle elezioni.Se così fosse consiglierei una pronta richiesta di accoglienza in paesi democratici come quelli "guidati" da Fidel o Hugo o Kim Jong II.Per il mio modesto e sindacabilissimo punto di vista di persona anziana che ha seguito la storia,credo che Hemingway,del quale fra l'altro,sono estimatore,ma come romanziere e narratore,più che come cronista,fosse più di sinistra di Orwell al quale ne fu affibbiata l'appartenenza dal buon Oreste del Buono perchè non sapeva trovare validi motivi di critica,usando un sistema, molto in voga ancor oggi,di far apparire gli "avversari" come della propria parte,attendendo però scrupolosamente che fosse morto,e qualcuno,sicuramente in buona fede di noi,vecchi lettori di "Linus" ci ha creduto.Non scordatevi poi che Hemingway era americano e scriveva secondo le sue personali emozioni,sotto una sola bandiera:la sua,tanto in patria dove si era fatto,anche meritatamente,ottima fama lo prendevano come oracolo;un pò meno quando faceva lo spaccone.Tutt'altro discorso per Montanelli che era un cronista vero con coinvolgimento personale sia da fascista che da antifascista.Una guerra civile è e sempre sarà una immane tragedia,ma non è cancellando o obliterando certi dati di fatto o rileggendoli a proprio uso e consumo che si rende un buon sevizio alla verità,alla storia stessa,ma sopratutto alla memoria delle vittime di ogni parte o colore. Cato

    Report

    Rispondi

  • forzadoria

    30 Giugno 2009 - 21:09

    Il signor Cato mescola un po' di cose che c'entrano poco l'una con l'altra, ma le sbaglia tutte. 1) Ho associato Benito e Silvio non per il modo in cui hanno raggiunto il potere, ma per la loro immagine di "uomini forti", a cui molti nostri connazionali sembrano sensibili. 2) Come fa la stragrande maggioranza dei commentatori di destra, ogni critica "da sinistra" viene commentata con un riferimento a Cuba, Corea, ecc. La cosa sta diventando un po' noiosa, oltre che fuori luogo. 3) Orwell di sinistra lo era sul serio (basta leggerlo per capirlo), Hemingway era un libero pensatore, lontano dalla politica.

    Report

    Rispondi

  • rocoba

    30 Giugno 2009 - 18:06

    Nel dare,giustamente,ragione al fatto incontrovrtibile che i dittatori non hanno colore,qualcuno richiama ed associa Mussolini a Berlusconi.Poichè alle ultime tornate elettorali non ho visto in giro manganelli,ricino o "listoni"il paragone mi sembra veramente fuori luogo fra chi ha vinto elezioni democratiche in un paese democratico e chi ha raggiunto il potere attraverso l'imposizione.A meno che come recita un ritornello molto caro a certi "liberi pensatori" la maggioranza degli aventi diritto al voto in Italia si sia improvvisamente ed inopinatamente svegliata "fascista" il giorno delle elezioni.Se così fosse consiglierei una pronta richiesta di accoglienza in paesi democratici come quelli "guidati" da Fidel o Hugo o Kim Jong II.Per il mio modesto e sindacabilissimo punto di vista di persona anziana che ha seguito la storia,credo che Hemingway,del quale fra l'altro,sono estimatore,ma come romanziere e narratore,più che come cronista,fosse più di sinistra di Orwell al quale ne fu affibbiata l'appartenenza dal buon Oreste del Buono perchè non sapeva trovare validi motivi di critica,usando un sistema, molto in voga ancor oggi,di far apparire gli "avversari" come della propria parte,attendendo però scrupolosamente che fosse morto,e qualcuno,sicuramente in buona fede di noi,vecchi lettori di "Linus" ci ha creduto.Non scordatevi poi che Hemingway era americano e scriveva secondo le sue personali emozioni,sotto una sola bandiera:la sua,tanto in patria dove si era fatto,anche meritatamente,ottima fama lo prendevano come oracolo;un pò meno quando faceva lo spaccone.Tutt'altro discorso per Montanelli che era un cronista vero con coinvolgimento personale sia da fascista che da antifascista.Una guerra civile è e sempre sarà una immane tragedia,ma non è cancellando o obliterando certi dati di fatto o rileggendoli a proprio uso e consumo che si rende un buon sevizio alla verità,alla storia stessa,ma sopratutto alla memoria delle vittime di ogni parte o colore. Cato

    Report

    Rispondi

  • nurrak

    30 Giugno 2009 - 18:06

    Io penso che la damnatio memoriae sia sostanzialmente un'opera praticata non da persone realmente democratiche ma da individui con pulsioni totalitarie. Indietro non si torna questo è assodato e questa sorta di "pulizia storica" non mi pace molto. Io sono fermamente convinto, purtroppo non posso dimostrarlo che se oggi la Spagna si trovasse ad essere l'erede di una dittatura rossa e non nera i soliti benpensanti griderebbero allo scandalo in quest'opera di toeletta. Sono altresì fermamente convinto che la dittatura franchista, pur nel suo essere liberticida, sia stata molto più moderata di un eventuale dittatura "repubblicana" che sarebbe inevitabilmente sorta in Spagna senza l'intervento dei militari. Non dimentichiamo inoltre che Franco stesso si presentò, e lo fece veramente, come il pacificatore nazionale. Dette la pensione di guerra a tutti i combattenti, cosa che ancor oggi in Italia è considerato un tabù, e tenne fuori la sua nazione dalla II guerra mondiale. Di questo sono sicuro che gli spagnoli con un certo culto della storia lo riconoscano. Ovvio che Zapatero, nipote, se non erro, di una vittima del franchismo abbia quantomeno il dente avvelenato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog