Cerca

Allarme nucleare in Francia

Contaminati 100 operai

Allarme nucleare in Francia

Parigi - Un centinaio di operai della centrale nucleare di Tricastin, in Francia, sono rimasti "leggermente contaminati" a seguito della fuga radioattiva avvenuta nella notte tra il 7 e l'8 luglio scorsi. I dipendenti sono stati contaminati da elementi radioattivi fuoriusciti da una tubatura del reattore 4 "40 volte inferiori al limite regolamentare annuale". Verso le 9.30, "una tubatura all'interno del complesso è stata aperta nel quadro della manutenzione dell'impianto e ne è fuoriuscita polvere radioattiva", ha spiegato il direttore della centrfale nucleare, che ha classificato l'incidente a "fatto non grave", informando la prefettura locale e l'Autorità per la Sicurezza del Nucleare (ASN). Il direttore ha proposto all'Autorità di classificare l'evento come incidente di livello 0 in una scala di gravità che va fino a 7. 
Secondo il direttore della centrale i 97 impiegati di EDF e imprese subappaltatrici che lavorano nel complesso sono stati subito ricoverati in infermeria per esami medici dopo la positività ai rilevatori di radioattività. Altri 32 impiegati della centrale, che avevano attraversato gli stessi ambienti della centrale poco prima, per precauzione sono stati inviati in infermeria. Di queste 129 persone, "100 sono state leggermente contaminate da elementi radioattivi 40 volte inferiori al limite annuale regolamentare", hanno comunicato i vertici della centrale.
In attesa che vengano accertate le cause dell'incidente, la direzione dell'impianto e le autorità assicurano che "non avrà conseguenze né sulla salute delle persone né sull'ambiente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curatola

    24 Luglio 2008 - 16:04

    meno male che certi fatti si rendono noti : se non succedessero o fossero nascosti non avrei fiducia nel nucleare. Vorrei però fossero interpellati in materia di tecnologie nucleari degli esperti veri e non i soliti parolai faziosi. Aspettiamo e speriamo...

    Report

    Rispondi

blog