Cerca

Contrordine, compagni: se sono inglesi

le politiche giovani e sexy ci piacciono

Contrordine, compagni: se sono inglesi
 Brave, preparate e in alcuni casi talmente sexy da arrivare alla finale di Miss Giamaica: il corrispondente del Corriere della sera da Londra, Fabio Cavalera, offre ai suoi lettori nell’edizione in edicola oggi una galleria della “New Tories”, le nuove conservatrici che alla stile sobrio e serioso di Margaret Thatcher ne preferiscono uno alla moda, giovane e, appunto, sexy. Tant’è che, fa intuire il Corriere, si può parlare di rivoluzione culturale scorrendo i nomi delle probabili candidate alle prossime elezioni parlamentari.

Rivoluzione politica a Londra, ciarpame in Italia, perché a leggere alcuni curriculum delle novelle conservatrici sembra di tornare alle polemiche di casa nostra per le candidature alle Europee delle “veline” da parte del Pdl. “Fra le vecchie glorie della destra britannica c’è chi storce il naso”, scrive Cavalera e allora l’analogia sembra ancora più forte: nessuno può dimenticare le polemiche sollevate dalla fondazione finiana Fare Futuro che avrebbe preferito candidate più “dure e pure” invece di attrici di fiction come Barbara Matera o ex gieffine alla Angela Sozio, poi esclusa dalle liste finali.

Un nome su tutti: tra le giovani Tory spunta quello di Liza Chantelle, 23 anni, ex laburista convertita al conservatorismo da David Cameron, leader del partito, e dall’euroscetticismo. È lei la finalista di Miss Giamaica che oggi lavora per “Conservative Future”, una sorta di federazione giovanile di casa nostra. Il Financial Times l’ha soprannominata “la Paris Hilton dei conservatori” e lei, nera di colore, ha risposto che “il sex appeal non è da buttare via”. L’avesse detto una delle famose veline berlusconiane, qualcuno avrebbe commentato che, così dicendo, si sarebbe sminuita l’immagine delle donne, costrette ad essere belle per avere un posto in Parlamento.

Oppure c’è Louise Bagshawe che, stando alla corrispondenza del Corriere, ha ottenuto un posto da candidata presentandosi così alla leadership del partito conservatore: “Ho venduto 2 milioni di copie di libri, ho un pubblico al 90% femminile, so come si parla alle donne e sarei utile alla causa”. Una rivoluzionaria autrice di romanzi rosa che, fosse appartenuta all’harem di Berlusconi, sarebbe stata sormontata di critiche e pettegolezzi da una Concita De Gregorio qualunque.

O ancora, Annunziata Ress-Mogg, giornalista del Daily Telegraph e figlia di un ex direttore del Times. Se Berlusconi candidasse una firma rosa di un telegiornale Mediaset, in Parlamento riesploderebbe immediatamente il conflitto d’interessi.

Se invece lo fanno gli altri, si tratta solo di una rivoluzione politica di una nazione culturalmente migliore alla nostra.

 

Dario Mazzocchi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • S.Winston

    13 Luglio 2009 - 19:07

    toh, è sparito dalla prima pagina.........ahahah

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    13 Luglio 2009 - 18:06

    "Ma il paragone tra le nostre e le inglesi non regge, su questo ha ragione: le nostre sono molto pi carine." ahahahahahahah le nostre sono più carine gne gne gne ahahahahhahaha mamma mia albina, messa all'angolo da un ragionamento (o forse semplicemente di un essere informati, ma Libero da quel punto di vista il campione della superficialit...) che non fa una piega ecco il voler avere l'ultima parola sempre e comunque....arrampicandosi su specchi giganteschi!Non te la prendere sar per il prossimo articolo ;)

    Report

    Rispondi

  • alphacento

    13 Luglio 2009 - 18:06

    siano piu carine non importa e, francamente, non è rilevante. Anche quello che ha detto veronica e la sinistra è irrilevante visto che la Bagshawe è stata eletta in inghilterra dai conservatori e non in Italia dalla sinistra. Comunque la sinistra ha criticato la bellezza perchè unico motivo di scelta dei candidati. Se la matera o la carfagna fossero belle e competenti non penso che in molti avrebbero avuto qualcosa da dire (magari non a sinistra ma perlomeno all'interno del Pdl nessuno si sarebbe lamentato). A riguardo della sua frase: per quanto il suo nome non dica nulla ai più, questo non ne fa una buona o onesta politica per forza. Il suo nome non dice nulla ai piu in Italia, in Inghilterra, vedendo alle classifiche di libri venduti, è conosciuto. Comunque io non ho mai detto che la Matera e la Carfagna non siano oneste ma ho criticasto le ragioni della loro candidatura e, se foss state scelte con il sistema maggiritario, la loro elezione sarebbe piu legittima perchè vi sarebbe stata una votazione sul candidato e non sul partito come la nostra legge elettorale ci impone.

    Report

    Rispondi

  • alphacento

    13 Luglio 2009 - 16:04

    è che l'articolo sta cercando di giustificare la scelta di alcune parlamentari italiane basandosi su quello che viene fatto in inghilterra. Ci sono 2 problemi con le sue tesi. La Chantelle ha un ruolo all'interno del partito e non rappresenta il paese mentre Louise Bagshawe è una rinomata scrittrice che è stata candidata perchè ha ottenuto ottimi successi come scrittrice e non come velina o donna da calendari. Poi sig.ra Perri, come fa dire che da noi è un punto a sfavore?? A me sembra che la Carfagna e la Matera si siano candidate ed abbiano vinto. Premetto che, a parer mio, la loro vittoria elettorale è dovuta alla nostra legge elettorale che "maschera" i candidati. Infatti la maggior parte della gente vota per il partito senza sapere chi sia il candidato. In Inghilterra, grazie al sistema maggioritario, tutti gli elettori di una circoscrizione (consituency) sanno il nome ed il cognome del candidato. In Italia, a causa del fatto che un candidato puo presentarsi in diverse circoscrizioni non si sa mai chi possa venire eletto da un determinato seggio. Poi vorrei ricordarle che la Matera, da quanto rilasciato dal nostro premier, fu candidata perchè fidanzata del figlio di un prefetto amico di Letta. Queste parole le riportò il Corriere della Sera! Quindi da una parte troviamo una scrittrice plurivincitrice di premi di poesia e lareata ad Oxford mentre dall'altra una donna laureata in Giurisprudenza che ha come esperienza anni ed anni di velinismo ed una giovane laureata con esperienze d'attrice ed annunciatrice candidata perchè fidanzata del figlio di un prefetto amico di Letta. Sig.ra Perri, concordo con lei, essere belle e sexy aiuta, ma il paragone tra la Louise Bagshawe e la Carfagna e Matera non sta ne in cielo e ne in terra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog