Cerca

Video del vice Bin Laden

"Pakistani unitevi alla Jihad"

Video del vice Bin Laden
 "E' dovere individuale per ogni musulmano in Pakistan di unirsi ai mujaheddin (combattenti islamici)": così il numero due di Al Qaida, Ayman al-Zawahri, si è rivolto ai "fratelli" in Pakistan per incitarli a unirsi alla guerra santa contro i "crociati" in un video in lingua inglese diffuso su alcuni siti islamici. "Gli studiosi dell'Islam sono arrivati all'unanime conclusione che se un nemico infedele invade un Paese musulmano, é dovere di tutti i suoi abitanti - e, quando necessario, dei suoi vicini - di mobilitarsi per la Jihad", dice l'egiziano, considerato braccio destro di Osama bin Laden, nel filmato, che dura otto minuti e 49 secondi.

Nel videomessaggio, captato dal centro Usa di sorveglianza dei siti islamici Site e messo in rete ieri, al-Zawahri si rivolge ai "miei fratelli e sorelle musulmani del Pakistan" e dice che "gli americani oggi occupano l'Afghanistan e il Pakistan, ed è quindi dovere di ogni musulmano del Pakistan sollevarsi e combatterli". Secondo al-Zawahri, "la manipolazione da parte dei crociati americani del destino del Pakistan ha raggiunto un livello tale da mettere in grave pericolo il futuro dell'esistenza stessa de Pakistan", aggiungendo che "é evidente che il Pakistan è in corso una feroce lotta interna fra due forze", l'Islam e i "crociati". Secondo il medico egiziano, numero due di Al Qaida, "se restiamo passivi senza dare l'aiuto dovuto ai mujaheddin, non contribuiremo solo alla distruzione del Pakistan e dell'Afghanistan, ma meriteremo il doloroso castigo di Dio l'Onnipotente". L'ultimo messaggio di al-Zawahri risaliva all'agosto del 2008 e incitava anch'esso alla guerra santa in Pakistan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog