Cerca

Cina, manager ucciso da operai

Bloccata vendita dell'azienda

Cina, manager ucciso da operai
 E' stato annullato l'acquisto dell'acciaieria cinese dove ieri gli operai hanno ucciso il direttore. I lavoratori erano infuriati per i licenziamenti previsti in seguito alla vendita della loro fabbrica. ''Il governo provinciale di Jilin ha deciso di bloccare la fusione -ha reso noto un responsabile - La polizia ha aperto un'inchiesta sull'omicidio''.

La vicenda - La Tonghua Iron and Steel, pubblica, doveva essere acquistata dal gruppo privato Jianlong Steel Holding Company di Pechino. La fusione avrebbe portato al licenziamento di migliaia di operai. Il neodirettore della Tonghua, Chen Guojun, quarantenne, manager della Jianlong, appena arrivato in fabbrica ieri è stato assalito da migliaia di operai inferociti, inseguito per lo stabilimento e ucciso a bastonate e pietrate. I lavoratori hanno poi fatto muro per impedire alla polizia di intervenire e a un'ambulanza di soccorrere Chen. Il governo di Hu Jintao favorisce da tempo le fusione di aziende siderurgiche, per creare colossi in grado di soddisfare la fortissima domanda di acciaio da parte di un paese in crescita impetuosa. Il processo di razionalizzazione incontra però la forte resistenza dei lavoratori e dei governi locali, preoccupati di perdere posti di lavoro.

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog