Cerca

Usa, madre in manette

Il figlio pesa 250 chili

Usa, madre in manette
 Un caso che sta avendo il suo peso per l’opinione pubblica di un paese in cui l’obesità è una vera piaga sociale. Nella Carolina del Sud, Usa, una donna è stata arrestata con l’accusa di negligenza perché suo figlio, 14 anni, aveva raggiunto i 251 chili, 555 libbre. Un peso eccessivo che aveva messo a rischio la salute stessa dell’adolescente. È dunque in discussione se si tratti di qualche forma di abuso su minore. Il 14enne Alexander Draper è stato affidato ai servizi sociali, mentre sua madre Jerri Gray prova a difendersi. Il suo avvocato avverte che se la sua cliente fosse riconosciuta colpevole si rischia di aprire un vaso di Pandora di accuse contro i genitori che hanno figli pericolosamente sovrappeso e aggiunge “Non si tratta di un caso in cui una madre ha forzato a mangiare il figlio”. In effetti è un caso difficile per gli accusatori perché le leggi dello Stato prevedono che la salute del giovane sia in pericolo imminente.

Precedenti e leggi -  Diversi stati, Texas, New York, Indiana e altri, hanno affrontato casi simili negli anni precedenti e hanno risolto cambiando la legge. A New York nel 2007 un’adolescente che pesava più 118 chili fu costretta a seguire una dieta, ginnastica e una classe di cucina. Secondo uno studio riportato da Usa Today in 30 stati il 30% dei giovani tra i 10 e i 17 anni è sovrappeso o obeso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog