Cerca

Lenin torna ad uccidere

Muore schiacciato dalla statua

Lenin torna ad uccidere
A volte ritornano. Se non fosse che la storia ci assicura che è morto, la notizia che giunge dalla Bielorussia un po’ di paura la mette: una statua di Lenin è letteralmente crollata su un uomo, uccidendolo sul colpo. La conferma dell’accaduto è arrivata dalle forze dell’ordine locali.
Il povero malcapitato era un giovane di 21 anni ubriaco che ha pensato bene di arrampicarsi sulla scultura alta cinque metri lunedì notte. Si è aggrappato ad un braccio del fondatore dell’Unione sovietica che si è spezzato ed è volato a terra, con i pezzi di statua che gli cadevano addosso.
La costruzione, che sorgeva nella città sudorientale di Uvarovichi, risaliva al 1939, ma non era mai stata levata dopo la caduta dell’Urss anche perché l’attuale presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, è un grande ammiratore dei tempi che furono e per tutta la nazione sono ben visibili numerosi monumenti dedicati al padre fondatore del primo stato social comunista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barbablu2

    11 Agosto 2009 - 08:08

    Ho letto un libro narrante la vita, le retoriche mistificatrici e le sprezzanti supposizioni di questo imbecille.Ho letto tante di quelle cazzate che pensate, per girare pagina, invece che bagnare il dito con la saliva, sputavo direttamente sulla pagina.

    Report

    Rispondi

  • antari

    11 Agosto 2009 - 00:12

    x l'evento luttuoso, garantisco che il titolo mi avrebbe fatto molto sorridere!

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    11 Agosto 2009 - 00:12

    I compagni, non muoiono mai, purtroppo continuano ad uccidere, anche se fatti di bronzo, come il loro pensiero! Quelle nazioni ancora sottoposte al giogo comunista, uccidono col piombo di un proiettile, se va bene, altrimenti finisci in un carcere, lì si che muori, ma di stenti! I nuovi comunisti sono i teocrati islamici che tengono soggiogati i loro connazionali nel nome di Allah! Questi sono peggiori.

    Report

    Rispondi

blog