Cerca

Spara alla nipote stuprata

per lavare l'onta

Spara alla nipote stuprata
 Ha ucciso la nipote per lavare la vergogna che aveva portato sulla famiglia: la colpa della 16enne era quella di essere stata stuprata da due uomini. Un uomo giordano è andato a casa del fratello nella zona di al Nasser  nell’est dell’Amman e ha sparato 9 proiettili nel corpo della giovane nipote. La 16enne era stata stuprata di recente vicino alla casa della famiglia da due uomini; per questo fatto nel carcere vicino ad Amman sono detenuti due sospetti.  “La ragazza – ha spiegato la Polizia – giaceva sul letto quando lo zio le si è presentato davanti ala presenza del padre e le ha sparato”. L’uomo si è giustificato dicendo che doveva ripulire l’onore della famiglia. Per questo motivo, l’onore, tra le 15 e le 20 donne muoiono ogni anno, e gli assassini rischiano da tre mesi a un massimo di un anno dietro le sbarre.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    13 Agosto 2009 - 08:08

    Queste persone non meritano manco di avere la classificazione nel regno animale di "essere umano", sono solo dei vermi che si rigirano nella sabbia. Troppo poco sparagli, bisognerebbe appenderlo al sole finchè si vedono le ossa che diventano bianche. Salvato l'onore, Allah il "misericordioso" lo premierà mandandolo nel suo paradiso.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    12 Agosto 2009 - 11:11

    e adesso quel padre di mer.a spari allo zio,e poi vogliono venire in europa ma stiano nei loro paesi,fini perchè non parla anche di queste cose.Quell'arrivista si vergogni.

    Report

    Rispondi

blog