Cerca

L'Akp di Erdo?an non chiude

la Corte Costituzionale lo salva

L'Akp di Erdo?an non chiude
Ankara - Il premier turco Recep Tayyip Erdo?an ce l’ha fatta: il suo partito, l’Akp, non sarà messo al bando. A deciderlo è stata la Corte Costituzionale turca, l’Anayasa Mahkemesi, che ha dichiarato illegittime le accuse di “attività antilaiche volte a distruggere l’unità nazionale” che erano piovute addosso al partito per la giustizia e lo sviluppo presieduto da Erdo?an. Infatti  L'Akp era stato messo sotto accusa lo scorso 31 marzo dopo un ricorso presentato dal Procuratore generale di Ankara, Abdurrahman Yalcinkaya, che ne chiedeva la chiusura. Chiamata a pronunciarsi in merito, l’Anayasa Mahkemesi, composta da 11 membri, ha così sentenziato: sei giudici hanno votato contro la chiusura dell’Akp, ma per una pena pecuniaria. Quattro si sono dichiarati a favore della messa al bando, e uno solo ha respinto del tutto le accuse del procuratore Yalcinkaya. Pertanto, l’Akp non verrà chiuso ma i finanziamenti statali con cui si sostiene verranno dimezzati da 60 a 30 milioni di dollari. Perché? Perché sono state comunque state ravvisate delle mancanze compiute dal partito a danno della laicità su chi è imperniata la moderna Turchia voluta da Ataturk.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog