Cerca

La Corea del Nord riapre i confini

Dopo 50 anni relazioni col Sud

La Corea del Nord riapre i confini
Kim Jong-il ha deciso di riaprire il confine con la Sud Corea, chiuso dagli anni 50. La Corea del Nord ha annunciato infatti di aver deciso di riaprire il confine con la Corea del Sud e autorizzare nuovamente il turismo e le riunificazioni familiari. Tuttavia, l'agenzia di stampa Kcna ha diffuso subito dopo l'annuncio la notizia che, se nelle esercitazioni militari congiunte Usa-Corea del Sud verrà commessa anche la minima violazione della sovranità di Pyongyang, la risposta sarà "un attacco spietato e distruttivo", anche con armi nucleari, segno che le tensioni nella penisola restano alte. La notizia giunge all'indomani di un incontro tra il leader dello stato comunista Kim Jong-il e la presidente del gruppo automobilistico sudcoreano Hyundai Hyon Jong Un, in visita a Pyongyang per chiedere il rilascio di un lavoratore detenuto. Pochi giorni fa, l'ex presidente Usa Bill Clinton è riuscito, dopo aver incontrato Kim, ad ottenere il rilascio di due giornaliste americane. Col nuovo accordo, la Corea del Nord consentirà anche la ripresa in ottobre delle riunificazioni delle famiglie rimaste separate dopo la guerra di Corea degli anni 50.

Dalla cessazione delle ostilità della Guerra di Corea nel 1953, le relazioni tra il governo del Nord e la Corea del Sud, l'Unione Europea, il Canada, gli Stati Uniti e il Giappone sono rimaste tese. I combattimenti cessarono ma entrambe le Coree sono ancora tecnicamente in guerra. Entrambe firmarono la Dichairazione Congiunta  del 15 giugno nel 2000, nella quale presero l'impegno di cercare una riunificazione pacifica. Inoltre, il 4 ottobre 2007 i leader delle due Coree promisero di tenere dei summit per dichiarare ufficialmente il termine della guerra e riaffermare il principio di non-aggressione reciproca. Nel 2002, l'allora Presidente George W. Bush etichettò la Corea del Nord come parte di un "asse del male" ed un "avamposto di tirannia". Il contatto di maggiore livello che ebbe il governo nordcoreano con gli Stati uniti fu attraverso il Segretario di Stato Madeleine Albright, che effettuò una visita a Pyongyang nel 2000, le due nazioni non hanno relazioni diplomatiche ufficiali. Nel 2006Corea del Sud, con la previsione di ridurli a 25 000 nel 2008. Kim Jong-il affermò privatamente l'accettazione delle truppe statunitensi nella penisola, anche dopo una eventuale riunificazione. Pubblicamente la Corea del Nord chiede con forza la rimozione delle truppe statunitensi dalla regione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    17 Agosto 2009 - 21:09

    xkè è sparito il mio commento? ho semplicemente dato il punto di vista di un laureato in Scienze Politiche con un indirizzo politico internazionale ovvero diritto internazionale.

    Report

    Rispondi

blog