Cerca

Filippine, scandalo Arroyo

Dà mance per 125mila dollari

Filippine, scandalo Arroyo
  Il presidente filippino Gloria Macapagal Arroyo è nuovamente nell'occhio del ciclone per aver speso 125mila dollari in mance per una settimana negli Usa. Le mance sono parte di una costosissima settimana che ha visto il presidente spendere 768mila dollari mentre era in missione ufficiale dal 29 luglio al 5 agosto. I dettagli della spesa, trapelati sui media negli ultimi giorni, hanno acceso la polemica tra i membri dell'opposizione, le organizzazioni non governative e la Chiesa, che hanno chiesto un'interpellanza parlamentare. Il denaro, ovviamente, viene dalle casse dello Stato, in un Paese dove dati ufficiali dicono che un terzo dei 90 milioni di abitanti vive con meno di un dollaro al giorno. A suscitare le più accese proteste sono le spese elencate sotto la voce gratuity o ricompense facoltative. I tre giorni passati al lussuoso Willard Hotel di Washington sono costati al presidente e al suo entourage 71mila dollari. Il conto però riporta anche ricompense facoltative per 66 mila dollari. Il costo delle due notti all'Hotel Waldorf Astoria di New York è invece stato di 95mila dollari. In questo caso le mance sono state di 59mila dollari, riporta il 'South China Morning Post'. Per la stampa, le mance sono state pagate a camerieri nei ristoranti, personale alberghiero, autisti e personale di sicurezza. Nell'agosto del 2004 fu proprio la Arroyo a lanciare il «programma austerità» con il quale ha imposto alle agenzie governative di cancellare viaggi all'estero non essenziali e limitare l'uso dell'elettricità e della benzina di almeno il dieci per cento. La pena per chi disobbedisce è il licenziamento in tronco. Il portavoce del presidente, Cerge Remonde, ha spiegato che «i viaggi del presidente non sono inclusi nel programma austerità». Remonde ha inoltre detto che il viaggio negli Usa ha fruttato 6,2 miliardi di dollari in accordi commerciali, aiuti economici e investimenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog