Cerca

I ribelli ceceni si attaccano

al palo della luce russa

I ribelli ceceni si attaccano
 I guerriglieri, o terroristi, ceceni si adattano ai tempi e dichiarano “la guerra economica” alla Russia. Una sedicente organizzazione ribelle islamica cecena chiamata Battaglione dei Martiri ha annunciato che prenderà di mira oleodotti, centrali elettriche e linee di alta tensione in tutto il Paese. L'organizzazione rivendica il disastro del 17 agosto alla centrale idroelettrica siberiana di Sayano-Shushenskaya, nel quale sono morte almeno 26 persone e altre 49 sono tuttora disperse, e anche quello contro la centrale di polizia di Nazran, in Inguscezia, 25 morti e decine di feriti. In una lettera pubblicata dal sito www.kavkazcenter.com, che dice di rappresentare i ribelli separatisti ceceni, si dice che il leader ceceno latitante Doku Umarov ha deciso di dichiarare una "campagna di guerra economica contro la Russia sul suo territorio". Una mossa che arriva dopo che il premier russo ha rifondato la potenza mondiale della Russia proprio grazie alle sue risorse energetiche: per chi ha dimenticato basta vedere cosa è successo agli oligarchi russi dell’era Eltsin o nelle ultime diatribe russo-ucraine sul gas.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog