Cerca

Inghilterra, 19enne alcolizzato

No al trapianto di fegato

Inghilterra, 19enne alcolizzato
 Teenager e alcol. Un problema che torna alla ribalta prepotentemente con il caso di Garreth un ragazzo britannico di 19 anni che rischia di morire entro due settimane. Il giovane è stato ricoverato dopo una maratona alcolica da 30 lattine di birra, ma i medici inglesi si sono rifiutati di metterlo in lista per un trapianto di fegato: l’organo del ragazzo infatti è a pezzi e se non viene sostituito c’è un serio rischio di morte entro 15 giorni. Il motivo del rifiuto, che non è nemmeno il primo dei dottori d’Oltremanica, è motivato dal fatto che il 19enne ha dimostrato di non essere in grado di restare sobrio per sei mesi. Una risposta dura che era già stata data a Gary Reinbach, 22 anni, morto il 20 luglio perché gli è stata negata l’operazione.

La reazione del padre - Brian, il padre di Garreth, non si arrende e ha deciso di intraprendere una battaglia legale. “Bisogna fare un'eccezione, perché queste regole vanno bene per gli adulti, e non per i più giovani che hanno ancora tutta la vita davanti”, ha spiegato. Le regole però sono chiare: a chi non dimostra di essere stato sobrio per almeno se mesi, nessun trapianto. Il problema nel paese è molto sentito, soprattutto perché i donatori di fegato scarseggiano e le richieste sono in continuo aumento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    25 Agosto 2009 - 14:02

    Quel fegato sostitutivo andra' a chi ne fara' un uso migliore, si spera.

    Report

    Rispondi

blog