Cerca

Ahmadinejad contro i rifomisti

"Punire i capi dell'opposizione"

Ahmadinejad contro i rifomisti

 “Seri provvedimenti devono essere presi nei confronti dei capi dell'opposizione e dei principali istigatori degli incidenti. Coloro che hanno provocato, organizzato e attuato la dottrina nemica dovrebbero essere contrastati con fermezza”, ha detto Ahmadinejad nel suo sermone diffuso dalla radio di stato. Si tratta della prima richiesta fatta in questo senso dal capo dello stato iraniano, la cui rielezioni è stata lungamente contestata dai suo avversari, in particolare il conservatore moderato Mir Hossein Mussavi e il riformatore Mehdi Karrubi.

Azioni legali contro l’opposizione - “Chiedo alla magistratura di intraprendere azioni legali contro i leader dell'opposizione che hanno guidato le proteste”, ha dichiarato Ahmadinejad durante una cerimonia che ha preceduto la preghiera del venerdì a Teheran. Chiaro il riferimento del presidente ai candidati Mir-Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi, che più volte hanno dichiarato di non riconoscere i risultati elettorali. “Non ci dovrebbero essere immunità per i capi delle proteste”, ha concluso Ahmadinejad. La folla presente alla preghiera del venerdì ha approvato le parole del presidente, chiedendo la pena capitale per i leader riformisti.

Le “messe inscena” occidentali - Ahmadinejad ha ribadito che le contestate elezioni da cui è uscito rieletto, sono state corrette, a differenza di quelle dei “cosiddetti sistemi democratici”, cioè occidentali, dove sono una “messinscena”. Ahmadinejad, citato dall'agenzia ufficiale Irna, parlava prima della preghiera collettiva del venerdì all'Università di Teheran. La consultazione del 12 giugno, ha detto il presidente, “ha sventato i complotti e le cospirazioni del nemico”. Non si è trattato, ha aggiunto Ahmadinejad, “di uno di quei piani premeditati e messinscena che sono comuni nei cosiddetti sistemi democratici”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    29 Agosto 2009 - 10:10

    E' normale una persona del genere? Chi lo vede , lo vedrebbe meglio nel condurre al pascolo delle capre. Massimo rispetto per i pastori, lui non può fare manco quello. L'Iran ormai è in mano ad un pazzoide alla Hitler, dove la parola libertà è soffocata dalla teocrazia imperante del "turbantati barboni" che hanno nel cervello Allah e Maometto, il resto non conta. Sicuramente i signori non hanno il problema che ha la popolazione, (che chiede libetà)con un fedele/felice/idiota quale è il presidente. Per loro il popolo è solo un gregge e il presidente è il loro pastore/guardiano. Assieme alle milizie islamiche che non sono altro che assassini giustificati dal regime.

    Report

    Rispondi

  • Shift

    28 Agosto 2009 - 15:03

    Cosa c'è di strano? Lo si sapeva da tempo che Ahmadinejad è "mo(r)to democratico"!

    Report

    Rispondi

blog