Cerca

Striscione "Tibet Libero"

Arrestati quattro stranieri

Striscione "Tibet Libero"
Pechino - Mancano due gironi a Pechino 2008 e le manifestazioni pro Tibet tornano a farsi sentire. Così, proprio mentre il Presidente Bush da Seoul invita la Cina al rispetto della libertà di pensiero e di culto, due cittadini americani e 2 britannici sono stati arrestati stamane dalla polizia cinese, colpevoli di aver innalzato uno striscione con la scritta, in inglese, "Tibet libero", nei pressi dello stadio di Pechino che ospiterà la cerimonia di apertura dei giochi. Secondo l’organizzazione “Students for a Free Tibet”, che si batte per l’indipendenza del paese, i quattro arrestati hanno un’età compresa tra i 23 e i 34 anni e tra loro c’è anche una donna. L'ambasciata britannica, ha dichiarato una portavoce, ha chiesto di poter incontrare i propri connazionali. "Il governo cinese ha leggi e regolamenti molto chiari", ha spiegato il portavoce degli organizzatori dei giochi Sun Weide condannando l'episodio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pietrop

    06 Agosto 2008 - 17:05

    l'america che va in iraq per (opinabile)farvi nascere nuna democrazia ,scatena tante bandire della pace e dimostrazioni,la cina che occupa il tibet non fa notizia.Sara che viste le reazioni della cina i nostri no global o leoncavallini hanno paura anche a distanza.

    Report

    Rispondi

blog