Cerca

Liberato il giornalista

che tirò le scarpe a Bush

Liberato il giornalista
Muntazer al-Zaidi, giornalista diventato famoso per aver tirato una scarpa a Bush, è stato liberato. Lo riferisce suo fratello Uday al-Zaidi. “Ha lasciato la prigione pochi minuti fa – ha riferito il fratello – ed è già sulla via di Baghdadiya TV”, l’emittente televisiva per la quale lavorava prima di essere arrestato nel dicembre scorso. Durante una conferenza stampa il giornalista si alzò e lanciò la sua scarpa contro il presidente Usa urlandogli “Questo è il tuo bacio d'addio, cane”. Bush replicò: “L’unica cosa che posso dire è che era una scarpa numero dieci (il 42 europeo)”. Al-Zaidi fu arrestato.

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    15 Settembre 2009 - 12:12

    Il fatto che di questo tizio, che si dice giornalista, ne abbiano fatto un eroe e rilasciato dopo poco tempo la dice lunga su che razza di clima esiste in Iraq. La loro mentalità non è cambiata di una virgola, nonostante la guerra, se sostengono gesti come quello attuato dal tiratore di scarpe. Il fatto stesso che Obama ha fatto ritirare i soldati americani fuori dalle città irachene ha già provocato una numerosa serie di attentati, per il potere da spartire tra sunniti e sciiti, dimostrando, assieme al gesto compiuto dal tiratore di scarpe, quanto sia calcificata una mentalità assurda e che non intende aprirsi e svegliarsi al mondo, ma rimanere fissata al loro sistema religioso e di potere. La cosiddetta democrazia portata dagli USA finirà appena gli USA se ne andranno e intanto rimarrà solo una parvenza. E' ben per questo che gli islamici non devono stare tra noi e addirittura vanno rimpatriati tutti, dal primo all'ultimo. Non hanno alcuna intenzione di cambiare e ci porteranno solo la loro immondizia a casa nostra.

    Report

    Rispondi

  • riddler72

    15 Settembre 2009 - 12:12

    Se lo facessero contro Berlusconi gli darebbero l'ergastolo! Anche perchè in Italia chi uccide è libero, chi si mette contro i politici è colpevole...

    Report

    Rispondi

blog