Cerca

Inghilterra, stretta sui night

Le ballerine di lap danno battaglia

Inghilterra, stretta sui night
L'Inghilterra si prepara a combattere la battaglia sul palo della lap dance. Il parlamento, infatti, ha previsto un giro di vite sui night club: sta mettendo a punto un provvedimento per obbligare i locali per incontri sessuali a richiedere ogni anno il rinnovo della licenza e per assegnare ai municipi ampi poteri in questo campo, ponendo solidi paletti alla proliferazione dei locali dove si assiste a spogliarelli, lap dance e pole dance, raddoppiati negli ultimi quattro anni.

La Lap Dancing Association, tuttavia, è fiduciosa che quando l'esame del provvedimento tornerà alla camera alta il prossimo mese ci sarà battaglia. «È una battaglia per la nostra sopravvivenza», già costata 30.000 sterline di contratto con la Quintus, ha dichiarato al Times Chris Knight, vicepresidente dell'associazione, che ha spiegato che sono già stati organizzati diversi incontri con parlamentari d'opposizione di entrambe le camere del Parlamento.

«Abbiamo avuto una buona risposta dai Lord perché loro non dipendono dai voti come i parlamentari della Camera dei comuni. Stiamo lavorando per ottenere un nuovo impegno da conservatori e liberal-democratici».

Lady Miller, che siede sui banchi dei liberaldemocratici ai Lord, spiega che il suo partito è «seriamente preoccupato per le conseguenze del provvedimento», precisando che «pur essendo inflessibili sullo sfruttamento delle donne, noi difendiamo anche il loro diritto a lavorare in questo settore se lo scelgono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dellelmodiscipio

    21 Settembre 2009 - 15:03

    Non occorre essere dei sottili analisti politici o dei sociologi per capire il fulcro della questione. Il governo di Blair ha cercato fino al licenziamento della sua odiosa persona di perseguire la concezione più materialistica possibile dell'essere umano: cittadini britannici guidati e sorvegliati dallo stato, che assicura il benessere, la SATISFACTION dalla culla alla tomba, togliendogli perfino il gravoso e fastidioso incomodo di pensare e di decidere. Secondo me è stato un grande tentativo di instaurare un regime scientificamente sovietico. Per fortuna, il famoso pragmatismo dei britannici ha risolto la questione senza tante chiacchiere e anche lì come in Italia per almeno vent'anni la gente non vorrà più sentir parlare di sinistra. Non sono deliri, ho assaporato di persona il clima che c'era in Inghilterra nel 2003, e ho letto via via i giornali. Almeno quanto basta per non fare poi di tutta l'erba un fascio, nel senso che ho ben visto come la gente anche lì non era quasi mai d'accordo col premier. Questa diatriba sui locali notturni chiarisce la cosa: il governo-relitto insiste a cercar di tenere ogni attività umana nel suo pugno, lui vuole AUTORIZZARE ogni anno le licenze, sottoporre ogni azione umana al vaglio e al timbro del Podestà, del Commissario del popolo, dello sceriffo o come cavolo si fa chiamare via via il Padrone.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    20 Settembre 2009 - 17:05

    Nella vita materiale umana,il sesso è una realtà. Tanto vale tenerlo sotto controllo in locali chiusi, invece di vederselo tutte le sere sotto casa,non vi sembra ?

    Report

    Rispondi

blog