Cerca

Germania, vince la Merkel

e torna al governo coi liberali

Germania, vince la Merkel
Gli elettori tedeschi hanno riportato alla cancelleria la conservatrice Angela Merkel, secondo i risultati ufficiali. La leader del Cdu potrà a questo punto costituire una coalizione di centro-destra con il partito liberale. Il partito conservatore ha ottenuto il 33,8% dei voti, che gli permette di governare pur rappresentando il peggior risultato da 1949 ad oggi. I liberali del Fdp hanno raccolto il 14,6%, il miglior risultato mai ottenuto. Il partito socialdemocratico subisce una sconfitta senza precedenti dal dopoguerra ad oggi, scivolando al 23%. Quattro anni fa aveva ottenuto il 34,2% dei voti, e aveva poi formato la Grande coalizione con i conservatori di Angela Merkel.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gitex

    28 Settembre 2009 - 14:02

    per la socialdemocrazia "eurabica" la quale si dimostra perdente dappertutto. In Germania non era mai scesa così in basso ed anche in Portogallo non ha più la maggioranza assoluta. Ditelo a Franceschini perchè, preso com'è a girare l'Italia, probabulmente non si è accorto.

    Report

    Rispondi

  • alphacento

    28 Settembre 2009 - 10:10

    grande risultato per i liberali. Dopo aver guadagnatoconsensi in Inghilterra ed in Germania adesso dobbiamo sperare in un boom liberale in Italia. Il Partito liberale italiano sarà la vera alternativa del Pdl e del Pd! Sarà interessante vedere se le relazioni tra Germania ed il Vaticano e tra quelle tra la Germania e l'Italia cambieranno visto che il leader del FDP diventerà Ministro deglli affari esteri ed è omosessuale dichiarato. Sicuramente, se la Germania dovesse mai criticare l'Italia, tutti i pdllini attaccheranno la moralità tedesca visto che hanno eletto un omosessuale. Prima di trasferirmi in Germania pensavo che gli italiani avessero una mentalità più aperta dei tedeschi ma, dopo un anno, mi son dovuto ricredere. Sfortunatamente siamo rimasti allo stesso livello mentale e sociale in cui eravamo prima della I guerra mondiale. Ci servono nuovi liberali del calibro di Cavour e Giolitti per poter ridiventare culturalmente e socialmente rilevanti nel mondo!

    Report

    Rispondi

blog