Cerca

Usa, via 4mila soldati dall'Iraq

per impiegarli in Afghanistan

Usa, via 4mila soldati dall'Iraq
In un'intervista al New York Times, il generale Ray Odierno, comandante delle forze statunitensi in Iraq, ha affermato che su un totale di circa 124 mila uomini attualmente impegnati in Iraq, gli Usa ne ritireranno circa 4.000 entro la fine di ottobre. Il generale Odierno, che si trova in america per una serie di incontri con ufficiali dell’esercito americano, al Pentagono ha discusso delle strategie militari in Afghanistan con il generale Stanley McChrystal, capo delle forze Usa e Isaf a Kabul, e con il generale David Petraus, capo del Centcom, accordandosi sulla necessità di un trasferimento urgente in Afghanistan di aerei da trasporto e ricognizione, di militari del genio e della polizia. Odierno prevede che entro settembre 2010 gli Usa ritireranno completamente le truppe da combattimento dall’Iraq. “Abbiamo circa 124.000 militari e 11 squadre da combattimento attualmente in campo. Entro la fine di ottobre, credo che scenderemo a 120.000 - ha ribadito il generale - Più avanti, assottiglieremo il contingente per ridurre il rischio e sostenere la stabilità attraverso il passaggio di responsabilità alle forze dell'ordine irachene".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    30 Settembre 2009 - 15:03

    Mi sembra che stiano facendo il gioco delle tre carte. Invece di 30 o 40 Mila soldati necessari in Afghanistan richiesti dal generale in campo in Afghanistan, gli mandano i bruscolini. Gli USA di Obama non hanno alcuna intenzione di vincere in Afghanistan, solo far deteriorare la situazione prima di ritirarsi ottenendo l'approvazione dell'elettorato americano. Berlusconi dai retta a Bossi! Ritira i nostri soldati, allo stato delle cose servono solo a fare da tiro a segno ai talebani. In quanto all'Iraq ormai è stato lasciato a sè stesso, nonostante la presenza dei 120 Mila americani in attesa di sbaraccare, che però si trovano fuori dalle città, dove ormai succede di tutto.

    Report

    Rispondi

blog