Cerca

Pakistan, blitz dei talebani

Ostaggi nella base militare

Pakistan, blitz dei talebani
Le forze di sicurezza del Pakistan hanno circondato l'edificio di Rawalpindi in cui si sono rifugiati almeno due degli islamisti del commando che in mattinata ha assalito il quartier generale dell'esercito, insieme a un numero imprecisato di ostaggi. Secondo quanto si legge in un comunicato delle forze armate, alcuni islamisti si sono arresi. E a quelli ancora barricati all'interno dell'edificio è stata chiesta la resa incondizionata. Il proprietario della casa, in cui il commando avrebbe risieduto negli ultimi tre-quattro mesi e che gli agenti hanno rintracciato usando le fotografie dei terroristi rimasti uccisi, è stato arrestato, aggiungono fonti militari.


I talebani rivendicano l'attacco - L'azione che ha fatto almeno dieci vittime è rivendicata con una telefonata dai talebani. Sei  militari e quattro terroristi  sono rimasti uccisi nello scontro a fuoco che è durato per oltre un'ora. Secondo la ricostruzione del generale Athar Abbas, portavoce dell'esercito pachistano, un'auto Suzuki bianca, forse imbottita di esplosivo e con almeno sei attentatori a bordo che indossavano divise militari, ha provato a forzare il posto di blocco messo a protezione dell'accesso numero uno del quartier generale. I terroristi hanno lanciato un paio di granate prima di spostarsi all'ingresso numero due: anche lì l'auto è stata bloccata al posto di controllo. Quindi è scoppiata la sparatoria con i militari. Successivamente uomini armati che facevano parte del commando si sono rifugiati negli uffici delle forze di sicurezza e hanno preso alcune persone in ostaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog