Cerca

India e Albania si litigano

i resti di Madre Teresa

India e Albania si litigano

India e Albania se la contendono. Madre Teresa diventa il ‘pomo della discordia’ tra il suo Paese d’adozione e quello d’origine. I resti della non saranno trasferiti in Albania, come richiesto da Tirana, ma resteranno nel cortile della sede centrale delle Missionarie della Carità a Kolkata (Stato indiano del West Bengala), dove attualmente sono sepolti. Lo scrive il quotidiano Indian Express. Citando un portavoce del ministero degli Esteri indiano, il giornale indica che la proposta del premier albanese Sali Berisha di riportare in Albania le spoglie della Premio Nobel per la Pace1979, in occasione del centenario della sua nascita, è destinata a non avere esito. Al riguardo il portavoce del ministero degli Esteri a New Delhi, Vishnu Prakash, ha sostenuto che “madre Teresa era cittadina indiana e resterà nel suo paese, nella sua patria. La questione di restituire (all'Albania) i suoi resti non si pone neppure”. Madre Teresa, di origine albanese e nata il 26 agosto 1910 con il nome di Agnese Gonxhe Bojaxhiu, si trasferì nel 1929 in India, prendendo la nazionalità di questo Paese, per cominciare un intenso lavoro a favore dei poveri. Dopo le dichiarazioni di Berisha, le Missionarie della carità e i responsabili della Conferenza episcopale indiana avevano chiesto di essere consultati prima che il governo centrale assumesse una qualunque iniziativa riguardante il trasferimento del corpo di madre Teresa a Tirana. Ma apparentemente il no del governo centrale ha chiuso la questione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dellelmodiscipio

    13 Ottobre 2009 - 11:11

    Cercate di non prendere la deriva del Giornale, Vi prego, redattori di Libero. Continuate a informarci, ma non vogliate indottrinarci. La notizia è di una nobile contesa d'onore fra l'Albania laica ex-comunista multireligiosa (musulmani + cristiani + atei) e desiderosa di far parte dell'unione europea, e l'India altrettanto civile. POVERE entrambe e pertanto più vicine al regno dei cieli e sensibili ai valori spirituali. Perché mettete quello spregioso "LITIGIO" nel titolo e nelle righe? Lasciamo agli sclerotici inglesi questi beffardi giudizi di stampo ETNICO.

    Report

    Rispondi

blog