Cerca

Vivisezionano un uomo vivo

Liberi perchè minorenni

Vivisezionano un uomo vivo
Alla scoperta del corpo umano. In Russia due minorenni hanno ucciso un pensionato di 59 anni dopo averlo vivisezionato per la curiosità di vedere come sono disposti gli organi interni del corpo umano. L'episodio è avvenuto nella città di Alexandrovsk, nella regione estremo-orientale di Sakhalin, A macchiarsi del delitto sono stati due ragazzini di 12 e 13 anni, Serghei K, studente di quarta elementare e Aleksei G. del settimo anno, fermati e interrogati dalla polizia locale subito dopo l'omicidio. I minorenni hanno confessato agli agenti di essersi recati a casa dell'uomo, un alcolista, e di aver iniziato a bere insieme a lui finchè non è scoppiata una lite. Durante il litigio i due amici hanno maturato la terribile iniziativa: dopo aver colpito il pensionato hanno aperto il suo torace con un'ascia mentre costui era ancora in vita e ne hanno estratto il cuore per vedere come batteva. Non contenti, gli hanno poi tagliato un orecchio e bucato un occhio. Dopo le loro efferatezze hanno lasciato la casa come se nulla fosse. La polizia ha schedato i due giovani assassini ma li ha poi rilasciati e riconsegnati ai propri genitori perchè l'età minima per essere accusati di un reato, in Russia, è di 14 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Shift

    19 Ottobre 2009 - 16:04

    Semplicemente pazzesco e totalmente inumano. In certi casi le leggi vanno saltate a piè pari, non è ammissibile cavarsela perchè l'età non è quella giusta per la legge. Perfino i genitori andrebbero messi per diversi anni in prigione per rieducazione civica, non avendo saputo crescere ai rapporti sociali e umani i loro figli, obbligo che avevano non solo verso i loro figli ma soprattutto verso la società. Trovo incredibile che li abbiano lasciati liberi come se niente fosse.

    Report

    Rispondi

blog