Cerca

Gli inglesi indignati

per una pubblicità sul clima

Gli inglesi indignati
L’Inghilterra è turbata e la colpa è tutta di una pubblicità sui cambiamenti climatici. Saranno i cuccioli che affogano e i coniglietti che muoiono di fame, oppure a turbare il pubblico benpensante della Gran Bretagna è solo la fine del mondo, per come lo conosciamo? Tutto inizia con un papà che racconta una favola alla figlia prima di andare a letto: poi, però, il racconto si fa fosco. “C'è un lieto fine?”, chiede la bimba. “Dipende da noi”, risponde una voce di donna fuori campo. È la pubblicità del governo britannico per sensibilizzare le famiglie al tema del clima - e ha ricevuto una valanga di reclami. Lo spot, in onda in prima serata, è parte di una campagna da sei milioni di sterline lanciata dal Ministero dell'Energia e del Cambiamento Climatico per combattere lo spreco di anidride carbonica. La Advertising Standard Authority, l'organismo che si occupa di vigilare sulla pubblicità trasmessa in Gran Bretagna, ha ricevuto 200 esposti da genitori indignati. E anche l'opposizione Conservatrice ha avuto qualcosa da dire. Philip Davies, parlamentare Tory, ha definito lo spot “sconcertante”. “Dimostra – ha detto – quanto logoro sia il punto di vista del governo se decide di spaventare i bambini per combattere il cambiamento climatico”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog