Cerca

Ristoranti francesi a rischio

Uno su quattro è sporco

Ristoranti francesi a rischio
Parigi - Si vantano di avere i vini e i formaggi più buoni del mondo, di essere gli inventori della “nouvelle cuisine”, di annoverare tra le loro fila gli chef più prestigiosi…Vero o no, i risultati dei 9.403 controlli effettuati a luglio in ristoranti e locali turistici dei nostri cugini d'Oltralpe, hanno rivelato che in Francia oltre un quarto dei ristoranti viola le regole minime della conservazione del cibo. A rendere pubblici questi dati poco lusinghieri è il ministro dell'agricoltura Michel Barnier in persona. Il dato è raddoppiato rispetto all'anno scorso. In tutto sono scattate ben 2.600 sanzioni. Nella maggior parte dei casi i ristoratori sono stati ripresi per scarsa igiene nei locali o tra il personale. Trentasette esercizi hanno invece chiuso i battenti. Durante i controlli in 560 ristoranti sono state sequestrate 30 tonnellate di alimenti scaduti o non più commestibili perché scongelati e ricongelati più volte.
Insomma, scarsa pulizia dei locali, camerieri con abiti sporchi e frigoriferi mal tenuti o alimenti mal conservati. Nonostante ciò Monique Eloit, vice-direttrice dell'Autorità francese dell'alimentazione (Dgal), smorza i toni dell’allarme, assicurando che i consumatori non sono a rischio e che “la Dgal ha rinforzato i controlli nei ristoranti dove si prepara pesce crudo o tartare, e aumenteranno anche i monitoraggi nei fast food, nei venditori ambulanti di pizza e panini, dove si utilizza molto la maionese”. Nel dubbio, “famose du spaghi” che è meglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog