Cerca

Nucleare, l'Iran non accetta

la proposta dell'Aiea

Nucleare, l'Iran non accetta

L'Iran non intende accettare l'accordo sul nucleare proposto dall'Aiea per l'arricchimento dell'uranio all'estero e “preferisce acquistarlo” piuttosto che trasferirlo in Russia. Lo ha annunciato la tv di Stato iraniana citando un negoziatore. Teheran sarebbe intenzionata a fare una controproposta. La Russia aveva in mattinata approvato la bozza di accordo che l'Aiea aveva sottoposto mercoledì scorso all'Iran, agli Usa, alla Francia ed alla Russia, perché fosse approvato entro oggi. La bozza prevede che l'Iran consegni fino al 75% (1.200 su 1.500 kg) delle sue riserve di uranio arricchito a un basso livello (5%) a Paesi terzi (Russia e Francia). Qui l'uranio verrebbe arricchito fino a circa il 20% per essere poi restituito all'Iran ed essere utilizzato in un reattore di ricerca medica sotto controllo Aiea. Dopo la Russia anche Usa e Francia avevano approvato il documento.


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vauban73

    24 Ottobre 2009 - 17:05

    Kompagno Fini...CUCU'...Ci sei o sei impegnato a scrivere la seconda parte della tua saga fantascientifica... Il tuo assordante silenzio ci stupisce...o come mai, ImamKomagno, visto che oramai discetti pirl(ate) di "saggezza" su tutto ??? O perchè, visto che sei così d'autorevolezza circonfuso non la dimostri urbi et orbi (dai: è la tua grande occasione...sai che schiaffo al Cavaliere... ), pigli un bell'aereo per Teheran e vai a dare, magari con la bella Rania ( vestita, da vera musulmana, così come era durante le recenti "vacanze romane" )al braccetto, la tua lezioncina di dialogo ed integrazione anche ai barbuti signori iraniani ?? Digli che no, la bomba atomica no...non è islamicamente corretta, quella è robaccia occidentale, è un retaggio ideologico delle Crociate...Digli che loro no, a far così non si comportano da "veri musulmani", che l'islam è una religione di pace e tolleranza e che ci danno un' immagine sbagliata...e che se distruggono Israele come farai, poi, a tornarci con lo zuccottino in capo, per chiedere scusa, ribadire che il Fascismo-è-il-male-assoluto ed a giustificare la tua neo fascinazione per il sole di allah ?? Di' loro che lo stato deve essere laico e che bisogna essere equidistanti... Dai, stupisci questo popolo bue che, ahimè, non capisce la tua fine politica, che si ostina a dire "Mamma li turchi" e che ancora resta attaccato al Verbo di quel Signore che non ha mai ucciso nessuno ma che si è fatto Agnello per salvare noi poveri peccatori....

    Report

    Rispondi

  • mrjeckyll

    24 Ottobre 2009 - 16:04

    E bravo Click, adesso vai a spiegarlo alla Sinistra, a quelli che votavano, e voteranno, per il sig.D'Alema, oggi Bersani. L'on.Massimo D'Alema che in qualità di Ministro degli Esteri andava a trattare con Hamas, infrangendo le direttive dell'ONU e dell'America, direttive decise da tutta la comunità mondiale al fine di sradicare pacificamente dal popolo arabo l'ideologia islamica della Jihiad, la Guerra Santa contro gli infedeli, cioè noi. Si è provato a formare una catena, per isolare i terroristi visto che se li bombardi questi si nascondono in casa con i bambini a mo' di scudo. Loro, i muslim, sanno bene che in questo modo si salveranno. Mi chiedo come gli sia venuto in mente di vincere una guerra usando i propri figli come scudi, non era una tradizione saracena. Finché non ho visto i nostri giornali e le manifestazioni arcobaleno e allora ho capito che tutto questo gli è stato insegnato! E lo hanno imparato bene, sono anni che funziona, puntualmente. Infatti per colpire i jihadisti si devono necessariamente uccidere anche i civili; i bambini, in particolare, crescono con l'indottrinamento religioso del papà. Ma i giornali occidentali questo non lo scrivono, preferiscono pubblicare le notizie ed i massacri con tutta la parzialità così apprezzata dai loro finanziatori, guarda caso musulmani, e che quindi piace tanto anche a certi politici. Ci mettono tutto l'ingegno e l'arte della propaganda, così cara a quelli stessi che ieri hanno smerdato l'Italia con la buffonata della libertà della (LORO) stampa. Arrivano gli studenti con lo spinello di fumo arabo, arrivano i sindacalisti, che nella manifestazione di piazza trovano l'unica fonte di reddito ( e che reddito!), girano turbini di mazzette affinché sui treni si trovi un posto che non c'è perché già sovraccarichi di lavoratori pendolari, o se certe mazzette non girano proprio allora i lavoratori rimangono persino bloccati a piedi, mettici anche qualche pelandrone qua e la ed ecco servito, signore e signori, LO SCIOPERO e/o il girotondo arcobaleno contro la guerra. DICIAMO NO ALLA GUERRA, NO WAR !!! BUSH BOIA !!! E il bene della democrazia subito trionfa, la guerra finisce: sì, ma solo dalla nostra parte, perché non appena arriva la tregua, loro, i muslim, gridano con soddisfazione "ALLAH CI HA FATTO VINCERE" che già pensano al contrattacco. E tutto torna come prima, ma intanto lo studente ha avuto il diritto di manifestare oltre che di drogarsi, il sindacalista si dice soddisfatto, e, cosa più importante di tutte, si è pure ribadito, per l'ennesima volta, che Berlusconi è un porco. E domani è un altro giorno. Quanto sono importanti e decisive queste armi moderne: la stampa, la moda, la satira. Quanta propaganda. Nessuno si metterà i calzini celesti oggi e chi li ha già forse non li metterà affatto, comunque non importa: avete mai notato invece quante bandiere arcobaleno? Ci facevano pure le borsette e le mutande, altro che calzini, con quella bandiera arKobaleno, la bandiera islamocomunista, come l'ho sempre definita. Allora come fare con il terrorismo islamico senza massacrare bambini? Si è deciso di fare una specie di catena di isolamento, tipo quella che lo Stato Italiano si è impegnato ad applicare contro i sequestri di persona: si fa una legge che impedisca ai parenti di pagare il riscatto; certo, non impedirà nell'immediato che si verifichi un altro sequestro, però mantenendo la linea della fermezza a breve termine nessuno organizzerà più questi crimini perché l'obiettivo è avere i soldi, non l'omicidio in sé. L'America aveva deciso una cosa simile per la Palestina: nessun esponente di nessun governo occidentale tratti con Hamas! il popolo palestinese deve capire che ha eletto a sua rappresentanza un manipolo di assassini fanatici, non bisogna legittimarli, questa è l'alternativa al bombardamento. Ma, ecco, arriva il nostro saggio D'Alema e la catena si spezza. E ti trovi i pistacchi iraniani e le patate egiziane alla COOP che vorrebbe farti anche da distributore di benzina e da farmacia, facendoti risparmiare ben lo 0,99% sulla spesa ! COOP è con te, viaggi in tutto il mondo con la loro RobinTour: Egitto, Marocco, Tunisia, Svizzera, Libia, Londra, Turchia, Yemen, Emirati Arabi, Maldive, Filippine, anche accumulando i punti COOP !!! Le sentite queste cose o a far la spesa ci va solo vostra moglie perché siete troppo impegnati a scrivere sul blog? Anche se la COOP mi desse la spesa gratis, caro il mio D'Alema, pardon, Bersani, cosa ci guadagno io se alle spalle devo pagare il prezzo di un mondo che va dritto dritto, preciso e calibrato, verso una guerra globale? E dietro alla Palestina, dietro alle Torri Gemelle, dietro al Libano, al Marocco, la Cecenia, l'Afghanistan adesso anche il Pakistan, dietro a tutta la Jihad che ha colpito in tutto il mondo c'è Teheran, il fulcro, la mente. La Mecca è il cuore e la faccia, ma il cervello sta a Teheran e presto avranno l'atomica. C'è un D'Alema in ogni paese del mondo e chissà quanti ce ne sono in Russia, pronti a vendere il micidiale uranio arricchito; me li vedo gli ex-kompagni di Massimo: se hai la tessera KOOP ti fanno pure lo sconto sul salmone: comunisti, certo, poi excomunisti, ora democratici e mai islamofobici, certo eccome no?! ISLAMOCOMUNISTI !!! Buone primarie signori

    Report

    Rispondi

  • Shift

    23 Ottobre 2009 - 15:03

    ANCORA CON QUESTA BUFFONATA? E' L'IRAN QUELLO CHE DEVE DECIDERE, GLI ALTRI NON CONTANO NIENTE. CI STANNO PRENDENDO PER I FONDELLI, INVECE D'INTERVENIRE PRIMA CHE IL PERICOLO SI CONCRETIZZI A TUTTI GLI EFFETTI, QUI CONTINUANO A CHIACCHIERARE INUTILMENTE. PROPRIO QUELLO CHE VOGLIONO GLI IRANIANI.

    Report

    Rispondi

blog